Il tragico incidente sul lavoro si è verificato in una piccola località della provincia di Salerno. A perdere la vita è stato un uomo di 65 anni. Il cordoglio del Sindaco e dell’intera comunità

Incidente sul lavoro
Fonte Pixabay

Un ciclo senza fine che purtroppo si fa fatica a spezzare. Gli incidenti sul lavoro tornano e sempre a far capolino e soprattutto a mietere persone che non fanno altro che svolgere la propria attività lavorativa.

Stavolta è stato il turno di un operaio di 65 anni della provincia di Salerno, per l’esattezza della piccola località di Siano. Stando alle prime ricostruzioni, l’uomo, originario di Pontecagnano Fiano sarebbe stato travolto dal crollo di un muro.

Immediato l’arrivo sul posto di soccorsi e forze dell’ordine che non hanno potuto fare altro che costatare il decesso del lavoratore. Contestualmente sono iniziate le indagini e i rilievi del caso per definire l’esatta dinamica dell’accaduto ed accertare eventuali responsabilità.

LEGGI ANCHE >>> Morire per salvare gli altri: addio Tonello, Vigile del Fuoco

LEGGI ANCHE >>> La testa schiacciata contro un palo, aveva 30 anni: la morte sul lavoro

Incidente sul lavoro, il messaggio di cordoglio del Sindaco e il precedente dello scorso mese

Un evento che ha generato tristezza e sgomento nella comunità del salernitano. Per questo il primo cittadino Giorgio Marchese ha espresso il suo rammarico e la sua vicinanza alla famiglia e ai colleghi del defunto attraverso un post su Facebook.

Nel suo intervento ha rimarcato il fatto che Antonio (così si chiamava) è venuto a mancare mentre faceva ciò che in teoria dovrebbe dar sicurezza, ovvero lavorare. Ed invece non è così, sia per le negligenze umane, sia per pure fatalità di fronte a cui l’essere umano è praticamente inerme.

Andando a ritroso, lo scorso mese sempre per effetto di un incidente sul lavoro, un operaio ha perso addirittura quattro dita di una mano. Grazie ad un intervento piuttosto lungo (è durato circa 13 ore) e complicato eseguito all’ospedale Pellegrini di Napoli, gli sono state nuovamente reimpiantate.