Il Governo sta adottando una serie di misure al fine di contrastare l’uso del contante. Ecco quello che accadrà per i prelievi ATM con il bancomat.

bancomat tassa prelievi
Fonte adobestock

la riforma nel mondo dei prelievi con il bancomat, comporterebbe un peso non indifferente sulle tasche degli italiani.

Pare, infatti, che prelevare i propri soldi da uno sportello ATM avrà un costo decisamente superiore a quello a cui siamo abituati ogni giorno. Il costo del prelievo, inoltre, non sarà uguale per tutti gli sportelli ma potrà essere diverso da punto a punto.

Saranno le banche a decidere quale costo applicare al prelievo presso lo sportello bancomat ed è per questo motivo che vi sarà anche moltissima incertezza.

Ma vediamo nel dettaglio cosa prevede la proposta.

LEGGI ANCHE >>> Quando la pausa caffè giustifica il licenziamento

LEGGI ANCHE >>> Vecchi gioielli: quando la fortuna è dentro un cassetto

Riforma prelievi bancomat: la proposta di Bancomat spa

La proposta di riforma del sistema di prelievo agli sportelli automatici, ovvero ATM, è stata presentata previa specifica richiesta da Bancomat Spa.

Se questa proposta sarà approvata, rischia di far aumentare già nel breve periodo i costi del servizio. Si ipotizza, infatti, un aumento delle tariffe che porti a disincentivare l’utilizzo del contante.

Fino a questo momento, ricordiamo, le tasse sui prelievi sono basse, e in alcuni casi totalmente gratuite quando si effettua il prelievo presso la propria banca. Cambiano leggermente le tariffe, invece, nel caso in cui si utilizzi un ATM di un circuito diverso da quello della propria banca.

La proposta che è arrivata negli ultimi mesi, invece, potrebbe incidere negativamente sulle tasche di coloro che effettuano i prelievi agli sportelli automatici.

Sembra infatti che Bancomat abbia intenzione di dare libertà di scelta alla Banca che possiede l’ATM per quanto concerne le tariffe sui prelievi. In questo modo si rischia di dover fare i conti con costi diversi, anche di un bel po’ di euro, da una banca all’altra.

Quello che scoraggia i correntisti è che, in questo modo, non si avrebbe più la certezza delle commissioni in anticipo, ma solamente nel momento stesso in cui ci si appresta a fare il prelievo.