La pausa è un diritto dei lavoratori di cui, però, non bisogna approfittarsi. Tanto è vero che le pause eccessivamente lunghe danno luogo ad un illecito che può portare al licenziamento del lavoratore.

pausa caffè licenziamento
Fonte pixabay

La legge ci dice che il lavoratore ha il diritto ad pausa dal lavoro non inferiore ai 10 minuti in tutti i casi in cui l’orario giornaliero supera le sei ore totali, così da recuperare le necessarie energie psicologiche e fisiche

Quando le pause diventano ripetute e o prolungate trasformano il diritto in un illecito. Prima di addentrarci nel merito della questione bisogna partire dal decreto n. 66/2003, che stabilisce che si può essere licenziati per la pausa caffè solo in presenza di alcune condizioni.

Ogni lavoratore ha diritto a fare una pausa di almeno 10 minuti per ogni giornata di lavoro duri almeno 6 ore. La durata della pausa può variare a seconda di quanto stabilito dai contratti collettivi.

Esistono delle tipologie di lavoro in cui ricorrono eccezioni, è il caso dei: videoterminalisti, lavoratori domestici, trasportatori, nonché dei dirigenti, dei minorenni e dei lavoratori a domicilio. In questi casi vige la regola che se il lavoratore ha un orario spezzato, potrebbe coincidere con la pausa pranzo, con la conseguenza che se ne potrà fare soltanto una.

LEGGI ANCHE >>> “In arrivo un’ondata di contagi” Il documento inquietante: non tutti si salveranno

LEGGI ANCHE >>> Bancomat, occhio alla fregatura: errori nell’erogazione del contante

Pausa caffè: quando può ricorrere il licenziamento

Il licenziamento ricorrerà se si trascorre più tempo a fare pausa che a lavorare, come nel caso in cui il lavoratore che, appena arrivato in ufficio, va a prendere il caffè con i colleghi e si trattiene mezz’ora.

Il tutto, si aggrava se lo si ripete più volte durante la giornata lavorativa.

Con questi episodi, il lavoratore non rischia il licenziamento solo per l’eccessiva durata del caffè ma anche se fa tutto fuorché lavorare.

Prima di arrivare al licenziamento il lavoratore riceverà sanzioni e richiami graduali al fine dimostrare l’ abitualità della condotta violativa. Si evince quindi che, se il comportamento è occasionale, non sarà possibile ricorrere al licenziamento disciplinare.