Vediamo nel dettaglio quali sono le date previste per i pagamenti del Reddito di Cittadinanza nel mese di gennaio 2021 

reddito di cittadinanza1

Smaltite le festività natalizie, molti cittadini sono di nuovo alle prese con le solite grane di carattere economico. Per questo è già partito il countdown per il Reddito di Cittadinanza del mese di gennaio, che dovrebbe rispettare i giorni canonici dei mesi precedenti.

Ci sarà la solita differenza di erogazione per chi è alla prima rata del beneficio (o di rinnovo) e chi invece lo riceve già da qualche tempo. Una divergenza che crea una sorta di calendario dei pagamenti, che viene tassativamente rispettata ogni mese.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di Cittadinanza: la cifra che spetta a chi paga l’affitto

LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza, controlli contro i furbetti: cosa sta succedendo

Reddito di Cittadinanza, il calendario dei pagamenti di gennaio 2021

Nello specifico, nel primo caso, ovvero per coloro che ricevono la prima ricarica o il primo rinnovo, la data da segnare in rosso sul calendario è il 15 gennaio 2021. Bisognerà recarsi presso l’ufficio postale della propria zona per ricevere la speciale card comprensiva di ricarica.

Per quanto riguarda la secondo ipotesi, che per forza di cose è quella più comune, il sussidio sarà elargito tra il 25 e il 27 gennaio. Dunque, dopo l’eccezione di dicembre in cui l’INPS aveva anticipato i tempi in virtù delle festività natalizie, con l’anno nuovo è stato ripristinato il regime classico, che prevede appunto la distribuzione degli ammortizzatori sociali negli ultimi giorni del mese.

Gennaio 2021 sarà un mese cruciale per chi vuole continuare a percepire il Reddito di Cittadinanza o altri bonus simili. Infatti bisognerà obbligatoriamente rinnovare l’ISEE entro il 31 gennaio 2021. Dovrà essere inferiore a 9360 euro. Le dichiarazioni presentate all’INPS avranno validità fino al 31 dicembre 2021.

Naturalmente per poter rientrare tra i beneficiari è necessario disporre dei requisiti previsti per il RDC per l’anno 2021, onde evitare che possa decadere il diritto.