Richiedere il rimborso dell’assicurazione auto si può fare, ma solo in alcuni casi, precisamente in tre 

Il rimborso dell’Rc Auto si può richiedere in tre casi ben precisi. Analizziamole e vediamo come ricevere il rimborso del premio non goduto, senza andare incontro ad alcun tipo d’inconveniente.

Il primo caso che prendiamo in considerazione per il rimborso dell’assicurazione riguarda la vendita dell’automobile. In questo caso è sufficiente consegnare alla relativa compagnia due documenti: il passaggio di proprietà e il certificato di proprietà.

Con quest’operazione, si otterrà il rimborso del premio non ancora fruito.

LEGGI ANCHE >>> Rc Auto: in arrivo una stangata per 700 mila automobilisti

LEGGI ANCHE >>> Rc Auto, pagarla a rate mensili non conviene: rincari fino a +53%

E’ possibile chiedere il rimborso dell’Rc Auto? In alcuni casi si può

Il secondo caso  riguarda la rottamazione dell’auto. In questa circostanza, non serve il passaggio di proprietà, bisogna solo consegnare alla compagnia il certificato di demolizione.

Il certificato deve essere senza imprecisioni, altrimenti si rischia di vedersi rimborsata una somma inferiore rispetto a quella che dovrebbe essere corrisposta.

Il terzo caso in cui si può richiedere il rimborso dell’assicurazione è il furto dell’auto. Innanzitutto bisogna recarsi presso le Forze dell’Ordine e sporgere denuncia.

Prima si fa la denuncia e maggiore sarà il premio rimborsato;  il calcolo della somma di denaro corrisposta, infatti,  decorre dal giorno seguente il furto subito fino alla data di scadenza della polizza assicurativa.

In ogni caso, tocca ricordare che il rimborso della polizza riguarda solo l’importo della RC Auto.

Rammentante che è sempre vantaggioso bloccare una polizza assicurativa, piuttosto che chiuderla, perché in questo modo di può riattivare su un’altra auto ma mantenendo la stessa classe di merito.