Se cambia la banca cambia quasi certamente anche l’Iban. E anche le procedure di Home Banking vanno attenzionate. Gli step per una transazione tranquilla.

Banca
Foto di Tirelire_Avenue da Pixabay

Il “ci siamo fusi” diventerà un cavallo di battaglia per un noto comico italiano. L’esilarante gag sulla banca rispettava, a più che grandi linee, le vicissitudini che possono accompagnare un’operazione bancaria, anche apparentemente semplice. E, molto spesso, è proprio il passaggio degli istituti di credito, così come altre operazioni capitalistiche, che possono portare i procedimenti a diventare più macchinosi. Fra questi, naturalmente, il cambio dell’Iban.

Il processo di fusione può comportare piccoli e grandi disagi, specie nelle operazioni più frequenti. Prima fra tutte, l’accesso all’Home Banking, ovvero il profilo online. Sì, esattamente quello attraverso il quale si procede a bonifici, ricariche, eccetera, eccetera.

LEGGI ANCHE >>> Concorda questi tre aspetti con la tua banca e vivrai un anno sereno

LEGGI ANCHE >>> Siete clienti di questa banca? Attenti all’sms truffa

Iban in banche appena fuse? Occhio vigile sulle procedure

L’esempio calzante, come riferisce Proiezionidiborsa.it, è quello di Intesa San Paolo. Nello specifico, di 587 sportelli del gruppo, pronti a passare a Bper Banca. Anzi, per la precisione la stragrande maggioranza degli sportelli appartengono al circuito Ubi Banca, acquistata da Intesa già nei mesi scorsi. Ragionando in termini di clienti, si parla di più di un milione di persone. E anche se non tutti subiranno il passaggio da un istituto all’altro, una verifica sull’effettivo avvenuto trasbordo è il primo passo da fare.

Dopodiché, spazio all’analisi fai-da-te. Innanzitutto, occhio alle coordinate bancarie che, qualora si rientrasse nel novero degli utenti sotto passaggio, quasi certamente verranno modificate. L’Iban cambierà sulla base del nuovo codice Abi (ovvero 5387). Secondo step, controllare il funzionamento dell’area riservata, l’Home banking appunto. Perché se cambia banca, cambierà anche quello. Per quanto riguarda gli strumenti del conto (carte, libretto degli assegni e libretti di risparmio), dopo un primo periodo di prosecuzione del funzionamento, si procederà al ritiro.

In sostanza, pur se

Per quanto concerne il cambio dell’IBAN, raccomandiamo di seguire anche il cambio degli addebiti permanenti. Ad ogni modo sarà bene confrontarsi con i propri riferimenti in banca: le persone! Perché sebbene siano in arrivo i soliti disagi e il cambio dell’IBAN perchi ha il conto in queste banche, le persone non saranno mai sostituite da nessun codice!