Queste sono le cose da concordare al più presto con la tua banca per vivere un 2021 davvero sereno

All’inizio dell’anno è il momento più adatto per chiedere un incontro con il proprio consulente bancario o con il direttore di filiale.

Questo ci servirà a comprendere se la nostra banca è disponibile a concedere nuovo credito o a rivedere le condizioni economiche del conto corrente.

Una chiacchierata di inizio anno con la propria banca è quindi un’ottima abitudine per migliorare il rapporto con chi gestisce i nostri soldi.

La prima cosa da analizzare insieme al funzionario della banca sono le condizioni economiche del nostro conto corrente e se si possono migliorare.

LEGGI ANCHE >>> Conto corrente: meglio in banca o in Poste? Ecco le differenze

LEGGI ANCHE >>> Come nascondere legalmente i soldi in banca: 3 metodi che non conosci

Concorda questi tre aspetti con la tua banca e vivrai un 2021 sereno

Accreditare lo stipendio, addebitare mensilmente le utenze ed utilizzare le carte di pagamento sono abitudini che comportano importanti commissioni per le banche, ma chi usa spesso queste funzioni, potrebbe chiedere nuove condizioni più favorevoli.

Con il consulente si dovranno anche valutare i costi legati agli investimenti. Pianificare i propri investimenti consente anche di concordare tariffe più economiche e vantaggiose.

Quindi le prime due cose da concordare con il consulente bancario ad inizio anno sono: le condizioni applicate sul conto corrente e sui servizi di investimento.

La terza cosa da concordare riguarda i finanziamenti. Questi ultimi comprendono sia i prestiti e i mutui che le carte di credito. E’ meglio definirne al più presto le condizioni.

Una buona abitudine è anche chiedere conferma dell’eventuale fido e del plafond della carta di credito. Talvolta, infatti, le banche possono decidere unilateralmente di ridurre questi servizi, creando notevoli disagi ai clienti.