Le vendite online di Tiffany segnano un record mai raggiunto prima: + 80%. L’acquisto dei preziosi gioielli non si arresta neppure in tempo di Covid.

La pandemia non ferma i regali di Natale e, soprattutto non ferma Tiffany. La società di gioielli ha fatto registrare vendite da record in concomitanza con il periodo natalizio. Le vendite per la maggior parte sono state online e la domanda proviene maggiormente dalla Cina.

La compagnia americana dei famosi gioielli contenute nelle scatoline verde Tiffany (proprio dal nome del brand) ha riportato valori di vendita in crescita di 2 punti percentuali tra inizio novembre e fine dicembre.

Le vendite online hanno fatto un balzo in avanti dell’80% nel periodo indicato. Mentre le vendite nei paesi asiatici sono aumentate del 20%, in particolari quelle relative alla Cina sono in aumento di oltre il 50%.

Dopotutto i diamanti sono i migliori amici delle donne come cantava Marilyn Monroe e chi se lo può ancora permettere nonostante la crisi, non si è privato di una bella e iconica scatolina verde tiffany da mettere sotto l’albero di Natale.

Intanto prosegue l’acquisizione del brand di gioielli più famoso al mondo da parte di Lvmh, società che possiede importanti marchi della moda internazionale come Louis Vuitton.

LEGGI ANCHE >>> La pandemia ci lascerà anche qualcosa di buono? Ecco gli effetti positivi

LEGGI ANCHE >>> La novità degli sportelli ATM, presto gestiranno criptovalute

Tiffany: vendite online da record durante l’acquisizione di Lvmh

Entro il 7 gennaio 2021 la procedura di acquisizione del brand Tiffany da parte del gruppo Lvmh sarà chiusa con l’approvazione di una larga maggioranza dei soci ottenuta lo scorso 29 ottobre. Lvmh ha spuntato anche un certo sconto sul prezzo di acquisto della società produttrice di gioielli.

Nonostante il prezzo al ribasso stiamo comunque parlando di un matrimonio a 13 zeri che porterà la compagnia francese in vetta anche al mercato dei preziosi.

La cifra che Lvmh pagherà si aggira intorno a 400 milioni di dollari, ovvero 131,5 dollari per azione, a differenza dei 135 inizialmente pattuiti.

Tiffany tra pochi giorni sarà quindi ufficialmente parte del grande gruppo che proprietario anche di brand internazionali che vanno dalla moda al vino, fino alla profumeria. Parliamo di marchi quali Loius Vuitton, Dior, Bulgari, Fendi, Tag Heur, Moet&Chandon e Hennessy