Con il cashback anche chi ha aveva un rapporto stretto con i contanti ha cambiato le proprie abitudine buttandosi sui mezzi di pagamento elettronici. Ma i contanti spariranno davvero del tutto? Banca d’Italia parla chiaro.

Banca d' Italia contanti

Il Governo con l’introduzione del cashback e il super cashback ha veramente intenzione di limitare notevolmente i pagamenti in contanti.

La pandemia ha dato sicuramente il suo contributo perché se da un lato l’inbtroduzione del cashback è volto ad incentivare i pagamenti con strumenti tracciabili, dall’altro è stato utilizzato anche per prendere precauzioni anche durante i pagamenti.

A lungo è girata la voce, senza alcun tipo di riscontro, che la trasmissione del virus potesse avvenire anche tramite banconote e monete.

Non c’era alcuna tipo di fondamento scientifico ma nessuno ha mai smentito questa fonte, così gli italiani, probabilmente perché la paura prende sempre il sopravvento, hanno iniziato a pagare con mezzi elettronici invece di prendere dalla tasca contanti.

LEGGI ANCHE >>> Attacco ai clienti delle Poste! Attenzione a questo messaggio

LEGGI ANCHE >>> Scuola, slitta la data di riapertura delle superiori: futuro incerto

Contanti: le previsioni di Banca d’Italia

Il Politecnico di Milano ha sempre avuto una idea molto diversa rispetto a quella di Banca d’Italia, relativamente al sorpasso delle banconote su mezzi di pagamento elettronici.

Politecnico di Milano ha, infatti, stimato che gli strumenti di pagamento elettronico sorpasseranno le banconote entro il 2022.

Banca d’ Italia, invece, ritiene che detto sorpasso con ogni probabilità avverrà prima rispetto al 2022, poiché l’utilizzo di detti strumenti sta prendendo sempre più piega tra i cittadini.

Si segnala, inoltre, un drastico calo dei prelievi agli ATM sia di Poste e sia Istituti bancari, che fa pensare alla messa da parte dei contanti.

La crescita dell’utilizzo degli strumenti tracciabili quando si effettuano pagamenti è un beneficio per l’intero sistema economico italiano.

Banca d’Italia ritiene, altresì, che ridurre l’uso dei contanti rafforzi l’economia salvaguardando, il nostro sistema economico e non solo, dall’evasione fiscale.