Gli investimenti sicuri che non ci faranno mai perdere i nostri risparmi

In questo articolo vi spiegheremo quali sono gli investimenti sicuri da fare per non perdere nemmeno un centesimo dei vostri risparmi.

investimenti sicuri a lungo termine
Fonte pixabay

Gli Italiani, stando alle recenti indagini di mercato, sono uno dei popoli con la più alta propensione al risparmio privato, accantonando somme di denaro a tutela del proprio futuro.

Gli investimenti più comuni sono da sempre: compravendita di immobili e/o Titoli di Stato.

Da anni, però, data la forte cristi del mercato immobiliare e dei rendimenti ai minimi storici sui titoli obbligazionari, molti risparmiatori si sono quindi rassegnati a lasciare i propri capitali sui conti correnti, incorrendo però in una certa svalutazione.

Ma quali sono gli investimenti più sicuri da fare per non rischiare di perdere il proprio capitale?

LEGGI ANCHE >>> Vishing: come vi svuotano il conto corrente con una sola telefonata

LEGGI ANCHE >>> Carta di credito o bancomat, attenti a questi siti: altissimo rischio truffa

Investimenti sicuri: come non rischiare

Uno dei motivi per cui gli italiani sono dei grandi risparmiatori è attribuito al fatto che il sistema previdenziale italiano è assai incerto.

Detto sistema si è modificato molto negli anni, poiché in passato, l’INPS, al raggiungimento dell’età pensionabile, riconosceva un assegno mensile in linea con l’ultima busta paga.

Il Governo, successivamente, ha optato per un sistema contributivo dove, però, gli assegni previdenziali sono nettamente inferiori rispetto all’ultima retribuzione.

A tal proposito, tra gli investimenti più sicuri a lungo termine ci sono i fondi pensione.

A dirlo è l’ articolo 15 comma 5 del D. Lgs 252/2005 che specifica, infatti, che detti fondi non possano mai fallire.

I fondi pensione sono strumenti che consentono di accumulare negli anni un capitale grazie al sistematico risparmio mensile e, al raggiungimento dell’età pensionabile, questo capitale diventerà una pensione integrativa che si sommerà a quella dell’INPS.

Ricordiamo comunque di prestare la massima attenzione ai costi commissionali del risparmio gestito.