Ci sono, ormai, diverse tecniche che ci fanno cadere in truffe in cui riescono a svuotarvi il conto corrente in poche e semplici mosse. Una di queste è il Vishing.

vishing conto corrente
Fonte Pixabay

Il Vishing, è una nuova tecnica truffa, via telefono, consistente nel far cadere nel tranello una vittima, tramite un numero verde associato ad un banca o posta o altra finanziaria. In questo modo il finto operatore dell’istituto bancario farà credere alla vittima di aver riscontrato qualche anomalia e al fine di mettere a posto la situazione deve necessariamente comunicare i codici segreti del proprio conto

La vittima, ovvero il correntista, comunicando i propri codici, darà libero accesso al malvivente.

Con lo Vishing viene utilizzata, altresì, un’altra tecnica, ovvero, lo “spoofing”.  Lo spoofing, permette di fingere un numero telefonico consentendo di spacciarsi un determianto ente o operatore.

Il malcapitato, una volta che vedrà il numero verde della banca, non batterà ciglio sulla veridicità dello stesso e cadrà nella truffa cedendo, al truffatore, tutti i dati necessari, per accedere al proprio conto corrente.

Attenzion, i numeri di assistenza al cliente, salvo una vostra sollecitazione, non chiamano MAI.

LEGGI ANCHE >>> Conti correnti co-intestati: i soldi si dividono sempre in parti uguali?

LEGGI ANCHE >>> Bollette luce e gas: aumenti in arrivo, ma ci sono ancora gli aiuti Covid

Oltre al vishing ci sono altre tecniche

Esistono altre tecniche truffaldine, utilizzate per prelevare tutti i soldi di un conto corrente, tra queste ci sono: lo smishing e lo spoofing.

Con lo spoofing i trufattori utilizzano il reale numero verde dell’istituto di credito, attraverso l’uso di specifici software ed alcuni codici Gsmi; i truffatori si spacceranno per impiegati bancari e una volta ottenuti i vari codici e pini avranno accesso al vostro conto corrente.

Lo smishing, invece, consiste nell’ invio di un sms con scritto: Gentile cliente, la sua carta e stata bloccata per mancata sicurezza web psd2 antifrode. Verifica e riattiva ora”.

Al soggetto viene inviato un link che dà accesso ad un’altra pagina web. Normalmente questi link arrivano tramite email.