Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sfiora il primato di Scalfaro di quasi trent’anni fa. I telespettatori per il discorso di fine anno aumentano di 5 milioni.

Mattarella
Foto © Quirinale

Numeri record per il discorso di fine anno del Presidente della Repubblica. Sergio Mattarella incrementa sensibilmente lo share per il suo tradizionale appuntamento televisivo, quest’anno doppiamente importante vista la situazione. Vuoi il momento, vuoi le tematiche collettive che, per forza di cose, riguardano tutti, ecco che l’audience schizza dal 60% dello scorso anno al 64,95% del 2020. Un anno che, pandemia a parte, sarà ricordato per tante cose. Anche per questa.

Il Capo dello Stato, secondo i dati diffusi dal Quirinale, ha tenuto incollati agli schermi gli italiani. Probabilmente desiderosi di capire come Mattarella avrebbe salutato l’anno in uscita e come avrebbe valutato quanto fatto fin qui.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di Cittadinanza, a dicembre è stata l’ultima ricarica: ecco perché

LEGGI ANCHE >>> La festa di capodanno nel resort di lusso: gli assurdi biglietti sul tavolo

Share da record, Mattarella tiene incollati gli italiani: il discorso è il più seguito dal ’93

Se l’obiettivo era ottenere l’attenzione degli italiani, il Presidente sembra esserci riuscito. Visto che nel 2019 i telespettatori erano stati 10 milioni e 205 mila, la platea sale di circa 5 milioni. Un dato significativo, che la dice lunga sull’anno che ci siamo appena lasciati alle spalle. Questa volta, l’attesa per il discorso di Mattarella (che fra le altre cose ha annunciato come il 2021 sarà il suo ultimo anno al Quirinale) rispecchiava il desiderio di bilancio del Paese. Capire se quanto fatto è stato abbastanza o se poteva essere fatto qualcosa in più.

Lo share raggiunto, proietta Mattarella quasi in vetta nella storia dei discorsi televisivi dei Presidenti. L’ultima volta che si toccarono questi livelli era il 1993, quando alla presidenza c’era Oscar Luigi Scalfaro. All’epoca, il Capo dello Stato sfondò il tetto dei 15 milioni. Da Ciampi in poi, la media è rimasta fra i 10 e i 12 milioni. I dati presi in considerazione partono dal 1986, quando l’Auditel iniziò i rilevamenti dei dati d’ascolto (va detto che i dati non consideravano le reti tematiche). Cinque Presidenti da allora, da Cossiga a Mattarella. E, fortunatamente, nessuna pandemia.