Home Economia e Finanza Cartomanti, maghi e chiromanti: ecco come riconoscere le truffe
truffe maghi
Fonte Pixabay

Cartomanti, maghi e chiromanti: ecco come riconoscere le truffe

Credere o meno alla chiromanzia o all’astrologia è una libera scelta. I problemi sorgono quando dietro a queste attività si celano delle truffe.

truffe maghi
Fonte Pixabay

La chiromanzia è un’attività lecita.

A dichiararlo è il Consiglio di Stato che, con la decisione numero 4180 del luglio 2020, ha dichiarato che “finché la prestazione cartomantica viene offerta secondo la valenza predittiva-consolatoria e non come strumento realmente efficace e infallibile per la preveggenza del futuro e finché il corrispettivo pattuito conserva un ragionevole equilibrio allora la cartomanzia non integrerà l’ipotesi vietata della ciarlataneria, e potrà essere considerata attività lecita”.

Cio che è considerato illecito è il comportamento di chi chieda cifre evidentemente sproporzionate per un servizio che in sostanza non è nient’altro che un incoraggiamento.

LEGGI ANCHE >>> La festa di capodanno nel resort di lusso: gli assurdi biglietti sul tavolo

LEGGI ANCHE >>> Cosa accade se non fai la doccia per un intero anno?

Cartomanti e maghi, attenzione alle truffe

Si ricade nel reato di truffa quando il colpevole prospetta un male immaginario nel caso la vittima non paghi quanto richiesto, e può essere punito con una pena fino a cinque anni di reclusione.

Le vittime sono per lo più casi di persone che per età, solitudine, condizioni di vita particolarmente difficile. Queste persone spesso si rivolgono a un sedicente mago e vengono convinte a cedergli parecchio denaro in cambio della soluzione di tutti i suoi problemi.

In alcuni casi particolarmente gravi, questi episodi possono sfociare nel reato di circonvenzione di incapace.

In questo caso, non è necessario che il soggetto passivo versi in stato di incapacità di intendere e di volere, essendo sufficiente anche una minorata capacitò psichica.