L’oro, bene rifugio per eccellenza, è destinato ad attirare gli investitori in questo inizio di 2021, in tanto batte tutti i record con il 20% di aumento del suo valore.

Fonte foto web

Nell’ultimo giorno del 2020 l’oro è ancora salito di prezzo, tanto per affermare ancora di più il suo aumento di valore degli ultimi dieci anni. Stiamo parlando di una crescita record di oltre il 20% del valore in più.

Il suo prezzo spot è leggermente sceso, attestandosi a 1.890,25 dollari l’oncia (-0,2%), ma se guardiamo l’intero anno c’è un aumento del 24%. Negli USA i futures dell’oro sono arrivati a 1.897,60 con un guadagno di +0,2%.

Anche i futures degli altri metalli preziosi guadagnano, l’argento ad esempio a marzo è aumentato di 0,14 punti percentuali per arrivare a 26,605 dollari l’oncia. Il platino invece scende a 1.063,39 dollari l’oncia (-0,2%), ma per l’anno intero ha fatto registrare un aumento di 10 punti percentuali.

Dal 2011 i prezzi dell’oro quotati hanno subito un’impennata da record, aumentando del 21,7%.

Se a gennaio l’oro costava circa 1.600 dollari l’oncia, da marzo all’estate le quotazioni sono salite veloci proprio a causa della prima ondata del Covid-19. Per poi salire ancora ad agosto segnando il record di 2.069,4 dollari l’oncia.

LEGGI ANCHE >>> Affitto e Covid, brutte notizie per chi non riesce a pagare

LEGGI ANCHE >>> Cashback cosa cambia dal 1 gennaio? La fase di rodaggio è finita

Aumento da record per l’oro, la crescita è direttamente proporzionale all’indebolimento del dollaro

Il costo dei metalli preziosi inoltre ha ricevuto un deciso impulso alla crescita a causa del deprezzamento del dollaro dovuto ai tagli del tasso chiave di marzo effettuati sia dalla Federal Reserve americana sia dalla Banca d’Inghilterra.

Il valore del dollaro e l’inflazione, sono quindi i due fattori principali che hanno determinato l’aumento del prezzo dell’oro. E gli stessi fattori influiranno anche in futuro. O almeno questo è quello che pensa il capo statega del mercato globale Axi Stephen Innes.

“Il dollaro si indebolirà abbastanza precipitosamente fino al primo trimestre, dando all’oro una chiara spinta per crescere fino al prossimo anno”, ha detto l’analista secondo cui il metallo prezioso potrebbe raggiungere i 2.000 $.

“L’oro continuerà a essere uno dei migliori beneficiari della debolezza del dollaro”, ha affermato anche Hussein Sayed, capo stratega del mercato di FXTM, in una nota di lunedì scorso. E anche lui si aspetta che il prezzo dell’oro raggiungerà presto i 2.000 dollari.

Insomma se la pandemia ha influenzato il mercato dell’oro e degli altri metalli preziosi, l’arrivo dei vaccini cambierà ancora le prospettive. A quel punto quanto potrà arrivare a valere l’oro? Lo scopriremo presto.