Esiste un caso particolare in cui se il cane altrui compie una determinata azione possiamo avere diritto ad un risarcimento piuttosto importante

Cane

Avere un cane significa soprattutto prendersene cura ed educarlo a dovere onde evitare situazioni spiacevoli con altre persone.

In tal senso ha fatto scalpore un caso piuttosto emblematico successo a Mestre dove l’assicurazione di una signora proprietaria di un amichetto a quattro zampe ha dovuto corrispondere un risarcimento di non poco conto ad una sua conoscente.

LEGGI ANCHE >>> Covid e rischio di contagio degli animali domestici: cosa dice lo studio

LEGGI ANCHE >>> Il cane che non vuole separarsi dal pompiere: le immagini commuovono il web

Cane, a quale azione corrisponde l’ingente risarcimento

Le due stavano passeggiando tranquillamente per le vie della cittadina veneta. Ad un tratto il cooker fa cadere accidentalmente l’amica della sua padrona che ha riportato una frattura multipla al polso, al braccio oltre che una contusione alle costole cervicali. 

La signora ferita nonostante il rapporto di amicizia con la proprietaria del grazioso cagnolino ha deciso di chiedere i danni in merito all’accaduto. La donna citata in giudizio ha fatto leva sulla sua assicurazione che però inizialmente si è rifiutata di pagare in quanto ha ritenuto che danni di questo genere non appartenevano alla loro competenza.

Il Tribunale di Venezia però ha ribaltato la prospettiva dopo il ricorso della cliente,  disponendo il pagamento dell’indennizzo da parte della compagnia assicurativa, oltre che il pagamento delle spese legali per entrambi per la parti in causa. L’azienda dal canto suo può ancora ricorrere in appello per scongiurare un pagamento. La curiosità maggiore riguarda però la cifra del risarcimento che ammonta addirittura a 21mila euro.

Un vero e proprio tesoretto, che di questi tempi farebbe la fortuna di molti. La signora però era stata lungimirante decidendo di sottoscrivere una polizza assicurativa. In caso contrario sarebbero stati dolori. Per questo è bene tenere sempre a bada il proprio cane e qualora se ne abbia la possibilità, coprirsi con un’assicurazione non è di certo un’idea malvagia.