I cani e i gatti domestici possono trasmettere il coronavirus ai propri padroni? Oppure sono gli animali domestici a poter essere contagiati dall’uomo? Ecco il risultato di un recente studio.

animali domestici coronavirus
Fonte: Pixabay

In seguito all’emergenza Covid sono state adottate una serie di misure restrittive volte a contrastare la diffusione del virus. A partire dall’utilizzo della mascherina, passando per il distanziamento sociale, fino ad arrivare all’utilizzo di gel disinfettanti, sono varie le precauzioni utili a limitare la diffusione del coronavirus.

Allo stesso tempo continuano ad esserci ancora molti dubbi, con un recente studio che si è soffermato sul rischio di contagio degli animali domestici. Ebbene, stando ai risultati di tale ricerca, i cani e i gatti domestici non trasmettono il SARS-CoV-2, ma possono essere contagiati dai padroni.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, anche i cani si ammalano: il primo caso

LEGGI ANCHE >>> Natale, vertice Governo-Regioni: in arrivo nuove restrizioni anti-Covid

Cani e gatti possono essere contagiati dai padroni

animali domestici coronavirus
Fonte: Pixabay

Il primo studio del progetto COVIDinPET (Genetic characterization of SARS-CoV2 and serological investigation in humans and pets to define cats and dogs role in the COVID-19 pandemic) ha coinvolto i ricercatori del dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università di Milano e quelli dell’Università di Bari, ma anche il dipartimento Sicurezza alimentare, nutrizione e sanità pubblica veterinaria dell’Istituto Superiore di Sanità, una rete di collaboratori internazionali guidata dall’Università di Liverpool e alcuni laboratori veterinari italiani.

I risultati di tale ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Nature communications. Per effettuare tale indagine sono stati studiati 919 cani e gatti provenienti dalle zone maggiormente colpite dalla prima ondata, come la Lombardia. In particolare sono stati eseguiti tamponi molecolari orofaringei, nasali o rettali per la ricerca di SARS-CoV2, ed esami sierologici per la ricerca di anticorpi anti-SARS-CoV-2. In 528 casi erano conosciuti i risultati di test molecolari condotti sui proprietari degli animali.

Ebbene, stando ai dati estrapolati dai ricercatori, si è constatato che l’impatto degli animali domestici nella diffusione del virus negli uomini sembra essere molto limitato. Al contrario, sembra che i proprietari, se positivi, possano trasmettere il Covid ai propri cani e gatti. Proprio per questo motivo, nel caso in cui si risulti positivi al coronavirus, si consiglia di evitare contatti stretti, oltre che con amici e parenti, anche con gli animali.