Con la nuova circolare INPS, n. 153, sarà erogato un nuovo bonus baby sitter di 1000 euro. Vediamo insieme le istruzioni per ottenerlo.

Bonus baby sitter
Fonte Facebook – Rocco Sgro

La circolare INPS, ha introdotto, il bonus baby sitter da 1000 euro con delle condizione diverse rispetto a quello precedentemente emesso.

Il precedente bonus era stato introdottoper tutte le famiglie residenti nelle zone rosse, dove era stata disposta la sospensione dell’attività scolastica in presenza.

I requisiti necessari per accedere al beneficio sono:

  • iscrizione del minore presso un istituto sito in una delle aree con un livello di rischio alto e di massima gravità;
  • il genitore richiedente convivente con il minore dovrà risiedere in una delle suddette aree.

Potranno richiedere il bonus soltanto i genitori degli alunni per i quali il DPCM ha sospeso l’attività scolastica in presenza.

I genitori, ai fini dell l’erogazione del bonus, è necessario siano iscritti alla Gestione separata sia come parasubordinati che come liberi professionisti.

LEGGI ANCHE >>> Pagava l’assicurazione rischiando la multa: ecco la truffa di cui era vittima

LEGGI ANCHE >>> L’assicurazione? Meglio online con siti e app aziendali

Assegno INPS di 1.000 euro: cosa dice la nuova circolare

Con la nuova circolare emessa dall’Inps, per l’erogazione del bonus baby sitter, il genitore ed il prestatore dovranno registrarsi sul sito INPS. e successivamente dovrà rendicontare le prestazioni ricevute.

Il pagamento delle prestazioni avverrà attraverso il Libretto di Famiglia.

Attenzione, come valeva per il precedente bonus baby sitter anche questo non potrà essere utilizzato per il pagamento di familiari, ovvero parenti o affini entro il terzo grado.

Entrambi i genitori, possono usufruire alternativamente del bonus entrambi i genitori, purché nessuna delle attività lavorative svolte dai genitori, al momento della domanda sia svolta in smart working.

La domanda dovrà contenere la dichiarazione del datore di lavoro. Nel caso di professionisti autonomi basterà un’autodichiarazione.