In caso di incidente, lasciate da parte le pratiche convenzionali ma vietate. Qualche soluzione per tentare di preservare il proprio stato bonus malus.

Incidente
Foto © Pixabay

Aumentare la classe potrebbe sembrare un passo positivo. Ma, se l’argomento sono le automobili, subentrano concetti che vanno al di là delle apparenze. Perché incrementare una classe significa aver prodotto un incidente con colpa e, quindi, alzato l’asticella del premio assicurativo da pagare. Funziona così in Italia per l’Rc Auto, visto che ad andare per la maggiore è la formula cosiddetta “bonus malus”. Ovvero, peggiorare la propria posizione in caso di responsabilità in un sinistro.

Ora, trattandosi di una regola ecco che spunta fuori qualche eccezione. Posto che, naturalmente, in caso si diventi sfortunati protagonisti di una situazione di questo tipo, è sempre bene rivolgersi alla propria compagnia assicurativa e seguire le direttive e le procedure già concordate.

Incidente
Foto © Pixabay

LEGGI ANCHE >>> Pagava l’assicurazione rischiando la multa: ecco la truffa di cui era vittima

LEGGI ANCHE >>> L’assicurazione? Meglio online con siti e app aziendali

L’incubo delle classi di merito: come fare per non perderle dopo un sinistro restando nel consentito

La regola vigente parla di due classi in meno sul bonus malus in caso di incidente con colpa. Ma, qualora il danno causato sia di entità lieve, esiste una formula che consente di pagarlo senza subire il regresso. Attenzione però: non è valido il pagamento in contanti come risarcimento, prassi diffusa (specie per piccoli danni) ma vietata visto l’obbligo a informare l’assicurazione di ogni sinistro. Quindi niente accomodamenti o strette di mano, poiché si rischia di uscire fuori binario.

Diverso il caso del riscatto dei sinistri tramite Consap. Questa pratica può essere percorribile ma solo a determinate condizioni. Innanzitutto solo se gli incidenti in questione sono avvenuti dal 1° febbraio 2007 e se liquidati e contabilizzati totalmente. La procedura, invece, non potrà essere effettuata in caso di sinistri con collisione tra più di due veicoli o se i sinistri sono con solo danno a persone o cose. Inoltre, non sarà prevista nemmeno nel caso in cui la compagnia assicurativa non avesse aderito alla Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto (Card).

Caso a parte se dovesse essere prevista una franchigia a tariffa fissa. In questo caso, chi ha causato il sinistro dovrà far riferimento direttamente alla compagnia per sapere se può riscattarlo oppure no.