Un problema di sistema ha fatto scattare l’allerta tra i fruitori del bonus Cashback, che non riuscivano a trovare le loro transazioni

Cashback
Fonte Facebook – Io l’app dei servizi pubblici

Il cashback è diventato l’argomento clou del mese di dicembre. Tutti ne parlano, in tanti lo usano e più di qualcuno ha riscontrato dei problemi di utilizzo. L’applicazione Io attraverso cui è possibile usufruire del servizio è di fatto intasata e tra false partenze ed altri intoppi di natura tecnica ha creato non pochi allarmismi.

Le persone infatti sono desiderose di poter vedere i propri movimenti, capire quante transazioni sono state effettuate e soprattutto quanto hanno accumulato in termini di rimborso. Negli ultimi giorni però è sopraggiunto un nuovo bug, che oltre a mandare in tilt il sistema dell’applicazione ha provocato preoccupazione ai beneficiari. Vediamo nel dettaglio come sono andate le cose.

LEGGI ANCHE >>> Cashback, contactless: il problema che stanno avendo in molti

LEGGI ANCHE >>> Guerra fredda sul Cashback, il Mef replica alla Bce: “Rilievi infondati”

Cashback, il bug applicazione IO: ecco cosa è successo

Nella giornata di mercoledì 23 dicembre diversi utenti che nei giorni precedenti si erano sbizzarriti in operazioni di ogni genere, una volta entrati nell’app IO per il solito controllo di routine hanno trovato una sorpresa a dir poco scioccante.

Si sono infatti imbattuti nella scritta “Non ci sono ancora transazioni valide” all’interno della sezione Dettagli Transazioni. Una vero contraccolpo su chi in questo periodo ha fatto leva sulla possibilità di rimborso su acquisti natalizi e non.

Per fortuna però nella sezione Portafoglio è comparsa la dicitura “Potrebbero esserci dei problemi temporanei nella visualizzazione della lista transazioni”. Dunque si è trattato solo di un bug, che però ha tenuto in apprensione molte persone, che sperano entro il 31 dicembre di raggiungere la cifra massima di risarcimento (ovvero 150 euro).

Allo stato attuale l’iniziativa ha avuto un gran successo visto che la cifra generale da restituire ammonta a circa 90 milioni di euro.