Gli italiani bloccati nel Regno Unito hanno diritto al rimborso in denaro del biglietto aereo e, in caso di ostacoli posti dalle compagnie, al risarcimento danni. La battaglia dell’associazione Codici ed Aeci.

Italiani bloccati Regno Unito
Fonte: Pixabay

Le associazioni dei consumatori Codici ed Aeci si sono attivate con i propri legali per fornire assistenza alle migliaia di concittadini che non sono potuti partire in seguito alla scoperta della variante inglese del Covid19, che ha portato allo stop dei voli in Italia.

Lo scaricabarile in atto non ci interessa – affermano Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici, ed Ivan Marinelli, Presidente di Aeci –, questo non è il momento delle polemiche. Bisogna rimboccarsi le maniche per aiutare i nostri concittadini a tornare a casa e abbiamo deciso di fornire la nostra assistenza per evitare che oltre al danno, arrivi anche la beffa”.

Per loro “gli italiani bloccati in Gran Bretagna non hanno nessuna responsabilità per quanto accaduto, quindi chiediamo alle compagnie aeree di assumere un comportamento adeguato, ascoltando le richieste dei consumatori”.

LEGGI ANCHE >>> Italiana colpita dalla ‘variante inglese’ del Covid: ecco come sta

LEGGI ANCHE >>> Covid, la variante inglese terrorizza l’economia: l’incognita è il vaccino

Italiani bloccati nel Regno Unito, Codici:”Ai passeggeri rimborso in denaro”

Ai passeggeri spetta il rimborso in denaro – aggiunge Stefano Gallotta, Responsabile Trasporti e Turismo di Codicie ci stiamo muovendo in questa direzione, riservandoci di richiedere il risarcimento danni nel caso le compagnie aeree dovessero porre ostacoli all’esercizio di un diritto su cui non sono ammesse obiezioni o interpretazioni. Considerando il momento estremamente caotico e la situazione in continua evoluzione, che certamente non permettono di fare programmi, invitiamo inoltre i vettori ad evitare di proporre voucher o prenotazioni alternative per un’altra data”.

Codici ed Aeci  mettono a disposizione i propri uffici ed esperti per fornire assistenza agli italiani bloccati in Gran Bretagna che possono mettersi in contatto con le associazioni scrivendo ai seguenti indirizzi mail: segreteria.sportello@codici.org e assistenza@euroconsumatori.eu.