La legge di bilancio 2021 potrebbe favorire l’inserimento di un credito d’imposta per i cuochi professionisti. Vediamo in che casi è possibile usufruire del bonus 

Credito d'imposta per cuochi
Fonte Pixabay

Tra i sostegni che potrebbero arrivare nel 2021 c’è anche uno ponderato per il settore della ristorazione, uno dei più colpiti dalla crisi scaturita con l’avvento del Covid-19.

L’idea è quella di istituire tramite un emendamento alla legge di Bilancio 2021 un credito di imposta a favore dei cuochi professionisti. Nello specifico si tratta di un rimborso del 40% delle spese sostenute per l’acquisto di macchinari utili ai fini lavorativi e per la partecipazione a corsi di aggiornamento professionale. 

LEGGI ANCHE >>> Bonus auto elettriche: credito d’imposta del 50% per chi acquista

LEGGI ANCHE >>> Cessione del credito bonus 110, quali sono le banche che lo accettano?

Credito d’imposta per cuochi professionisti: modalità di utilizzo

In prima istanza è bene chiarire a chi è destinato il suddetto sgravio fiscale. È rivolto infatti ai cuochi professionisti presso alberghi e ristoranti, sia come lavoratori dipendenti, sia come autonomi con partita IVA.

Per quanto riguarda invece il periodo preso in considerazione per le spese va dal 1 gennaio 2021 al 30 giugno 2021 e riguarda l’acquisto di macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione e la cottura dei prodotti alimentari e per la partecipazione a corsi di aggiornamento professionale. 

Il credito maturerà fino ad un massimo di 6000 euro e non ha rilevanza fiscale. Può essere utilizzato come compensazione del modello F24 ed è cedibile a soggetti terzi, tra cui anche banche e istituti finanziari.

Per stabilire criteri e modalità di attuazione definitive del beneficio bisognerà però aspettare un decreto del Ministro dello sviluppo economico emanato congiuntamente con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali e il Ministro dell’economia e delle finanze.

Una notizia che cuochi e chef accoglieranno di buon grado dopo aver dovuto ingerire diversi bocconi amari nel corso del 2020. Sicuramente questo “piatto” sarà di gran lunga più appetibile.