Rifinanziato il reddito di cittadinanza e non passa l’emendamento sulla patrimoniale. La legge di bilancio ha due nuove certezze. Ed il post del ministro Di Maio fa chiarezza.

patrimoniale
Fonte: Pixabay

Reddito di cittadinanza ‘in’, patrimoniale ‘out’. Queste in sintesi le due certezze sulla discussione in corso in queste ore in Parlamento e ufficializzate dal ministro degli Esteri ed esponente di punta del M5S, Luigi Di Maio.

In un suo post pubblicato poco fa sulla sua pagina ufficiale Facebook, il numero uno della Farnesina ribadisce che “davanti a questa crisi che non ci sta dando tregua, dobbiamo reagire, dimostrare vicinanza agli italiani ed essere forti”.

Poi, l’annuncio del via libera al rifinanziamento anche per i prossimi anni della misura del reddito di cittadinanza che molto ha fatto discutere al suo avvio circa l’utilità o meno dello strumento per dare aiuti a chi effettivamente ne ha bisogno. Uno strumento voluto dal M5S e difeso nei suoi risultati ottenuti anche dal ministro del Lavoro.

LEGGI ANCHE >>> Patrimoniale timori alle stelle: cosa succede se passa l’emendamento

LEGGI ANCHE >>> “No Mes, sì patrimoniale ai super ricchi”, la proposta che arriva dal blog: il ‘piano Grillo’

Patrimoniale, Di Maio su Facebook:”Emendamento non passato, una follia”

Di Maio su Facebook difende il reddito di cittadinanzauna misura fondamentale per oltre 3 milioni di persone che senza non sarebbero riuscite a sfamare i propri figli. È una legge di civiltà che restituisce dignità a milioni di persone. Uno Stato serio non può girarsi dall’altro lato davanti alla sofferenza”.

Ma poi annuncia anche quella che definisce “una buona notizia” ovvero che l’emendamento presentato da alcuni deputati di Pd e LeU sull’introduzione di una tassa patrimoniale non è passatoperché ci siamo opposti. Aumentare le tasse al ceto medio in questo momento di difficoltà sarebbe stata una follia”, ha scritto Di Maio su Facebook.

Poi la chiosa che ha il sapore di un avvertimento a Renzi:”La politica deve dare ai cittadini e dialogare, dunque agiamo pensando a una sola cosa: siamo tutti italiani, facciamo tutti parte della stessa Nazione. Mettiamo da parte le bandiere politiche e agiamo tutelando gli interessi del Paese”.

Davanti a questa crisi che non ci sta dando tregua, dobbiamo reagire, dimostrare vicinanza agli italiani ed essere…

Pubblicato da Luigi Di Maio su Venerdì 18 dicembre 2020