I servizi Google vanno k.o. per la seconda volta in poche ore. I tecnici avvisano delle disfunzioni ma la natura del problema ancora non è chiara.

Google

“Siamo a conoscenza di un problema con Gmail che interessa un numero significativo di utenti“. Altro giro, altra corsa per Google, di nuovo impantanato in un down generale dei servizi. “Gli utenti interessati sono in grado di accedere a Gmail – spiega lo stato maggiore del colosso del web -, ma si verificano messaggi di errore, episodi di latenza elevata e/o altri comportamenti imprevisti”. In sostanza, una nuova gatta da pelare per i tecnici di Mountain View.

Dopo quanto accaduto poco più di un giorno fa, Gmail, Youtube e altri servizi forniti da Google ricominciano a dare problemi. Niente di apparentemente serio, se non qualche rallentamento. Ma, per un servizio come quello fornito dal motore di ricerca diventato ormai fido compagno di quotidianità, anche una piccola frenata rischia di diventare problematica.

LEGGI ANCHE >>> Giornataccia per Google, servizi in tilt in tutto il mondo: cosa rischiamo

LEGGI ANCHE >>> Privacy, stangata per Twitter: la violazione costa una maxi-multa

Riecco #Googledown, Gmail ancora in tilt: ignote le cause

Al momento non è chiaro cosa stia succedendo. Resta il fatto che, a distanza di pochissimo tempo, due down sono decisamente troppi. E se l’altra volta si era parlato di “un problema di autenticazione risolto”, stavolta la questione potrebbe essere più seria. Finora niente di ufficiale ma la possibilità che ci sia stato qualche tentativo di “bucare” i server non è da escludere. Anche perché, a pesare, sono anche gli attacchi effettuati contro alcune agenzie federali degli Stati Uniti.

Un quadro, quindi, che metterebbe a rischio non solo i servizi ma anche i dati sensibili. Fortunatamente, per ora Google non parla di tali possibilità. Anzi, non ne paventa nessuna. E la natura del problema, almeno per ora, resta ignota. Non così quella di un giorno e mezzo fa: “I servizi – aveva spiegato Mountain – che necessitano che gli utenti siano loggati hanno riscontrato una elevata percentuale di errore durante quel periodo. Il problema è stato risolto alle 4:32 AM PT (13:32 ora italiana), tutti i servizi ripristinati. Ci scusiamo con tutti gli utenti impattati, condurremo un approfondito esame per garantire che non possa ripetersi in futuro”.

Gli utenti, nell’attesa, hanno ripristinato l’hashtag #Googledown.