La bicicletta usata da Marco Pantani al Tour è stata battuta all’asta per una somma molto importante. Venduti anche altri cimeli del Pirata

Pantani
Fonte Facebook – La Repubblica

La bicicletta che Marco Pantani ha utilizzato durante il Tour de France del 2000 è stata venduta all’asta durante la vendita di Sport Memorabilia di Aste Bolaffi. Ad aggiudicarsela dopo diversi rilanci è stata la cordata che fa capo alla DC’s Friends di cui fa parte il ct della Nazionale italiana di ciclismo Davide Cassani. A sostenerlo un imprenditore del Bel Paese che ha voluto aiutare il commissario tecnico a riportare questo straordinario reperto in un luogo pubblico.

Per avere la meglio sugli altri contendenti la cordata ha dovuto sborsare 66000 euro. Per loro fortuna la Aste Bolaffi ha deciso di donargli il costo delle commissioni, ovvero il 25% da aggiungere al prezzo di martello.

Alla contesa hanno preso parte più di 10 persone. Tra questi, un procuratore sportivo che si era spinto a 64000 euro e un calciatore piuttosto noto che era arrivato a 55000 euro.

LEGGI ANCHE >>> Bonus bici, la novità sul rimborso che molti attendevano: cosa c’è da sapere

LEGGI ANCHE >>> Riders Just Eat: addio retribuzione a cottimo, si parte con il modello Scoober

Pantani, gli altri cimeli del pirata venduti all’asta

La bicicletta però non è stato l’unico oggetto di Marco ad essere ceduto. In totale sono 37 i cimeli della Mercatone Uno che sono stati venduti, per un ammontare totale di 161000 euro (escluse le commissioni). Tra gli oggetti di maggior interesse figura la seconda bici preparata per la prova strada delle Olimpiadi di Sydney del 2000 che è stata data via per 46000 euro.

Naturalmente non potevano mancare le sue storiche maglie come quella rosa dell’81esimo giro d’Italia e la gialla del Tour de France del 1998 pagate rispettivamente 9500 euro e 11000 euro. Anche in quest’ultimo caso c’è stato uno scontro piuttosto acceso con offerte giunte da ogni parte del vecchio continente.

Dunque il mondo del ciclismo adesso può dormire sonni tranquilli. I ricordi di uno degli interpreti più illustri della storia d’Italia d’ora in avanti saranno custoditi gelosamente.