Il piano cashback è solo agli inizi nel nostro Paese, mentre in alcune nazioni è già avviato, ma ci sono altri modi per aderirvi?

Puoi ottenere il cashback senza l'App Io e lo Spid? Sì, ecco come
Una carta Yap (Fonte foto: web)

Il cashback trova sempre più motivi di un buon riscontro, in Italia. L’iniziativa che porterà gli italiani a provare ad avere un rimborso del 10% sulle spese, grazie ai pagamenti effettuati con la carte ed eliminando il contante. Non c’è però soltanto l’App Io di PagoPa, ma anche Yap, applicazione della casa Nexi, ha aderito alle iniziative del Governo. Carta tra l’altro utilizzabile anche attraverso il sistema Nexi Pay, che eluderebbe la necessità di un’identità digitale pubblica, come Spid.

Se si è già iscritti ad Yap (che non è altro che la parola Pay al contrario), basta entrare nell’applicazione sul cellulare per aderire al cashback, grazie ad un’icona che apparirà dall’8 dicembre. Ai non clienti, il consiglio è scaricare l’app e dedicarsi per alcuni minuti, alla procedura di iscrizione.

Compiuti i primi passi, potrete aderire all’iniziativa cashback grazie a un semplice click, a partire dal prossimo martedì. A parlarne con ottimismo, è Edoardo Giorgetti, head of Yap in Nexi: “La nostra missione è favorire la migrazione dal contante a strumenti di pagamento digitali. E lo vogliamo fare partendo dai giovani che, da nativi digitali, sono abituati a utilizzare lo smartphone. Per loro è naturale pagare con un semplice tap”.

Leggi anche >>> Pagamenti contactless, senza PIN: l’Italia alza la soglia

L’iniziativa Nexi Pay, come funziona

Yap, è nata soltanto due anni fa. Nel 2018 aprì ufficialmente la rete, ed oggi conta ben 850mila iscritti, tra cui un 70% che non ha ancora compiuto 30 anni, di cui poi la metà non ne ha nemmeno compiuti ancora 25. A spiegare il funzionamento, ancora Giorgetti: “Ci siamo focalizzati solo sui pagamenti e sul gaming. E lo abbiamo fatto con una carta virtuale che può essere utilizzata direttamente dal cellulare, attraverso Apple Pay, Google Pay o Samsung Pay. Non è necessario avere la carta fisica, anche se è comunque possibile richiederla”.

L’applicazione tra l’altro, prevede già un’interfaccia, dove potremo andare a controllare il saldo complessivo del cashback che siamo riusciti ad accumulare. “Si potrà ricevere direttamente su Yap, visto che ha un codice Iban incorporato. – Fa chiarezza l’head – Nell’ultimo anno abbiamo registrato un tasso di crescita dei mobile payments dell’80%, in linea con il mercato, e contiamo di continuare ad andare avanti con la stessa energia”.

Ed eccoci arrivati a Nexi Pay. Dall’8 dicembre, si potrà avere accesso all’iniziativa del Governo, anche attraverso questa opzione, che non richiede iscrizione e quindi identità elettronica. Al momento dell’adesione dell’iniziativa cashback, il cliente indicherà l’Iban sul quale accreditare il danaro cachback accumulato. Per concludere, a dare delucidazioni anche su questo passaggio, è sempre Giorgetti: “In questo caso, già a partire dall’extra cashback di dicembre, saranno considerati validi, ai fini del rimborso, anche gli acquisti effettuati con Apple Pay, Google Pay e Samsung Pay. Questo in aggiunta alle spese pagate con le carte”.

Leggi anche >>> Cashback Natale in 4 operazioni: dallo Spid alla Cie, ciò che devi sapere