Il famoso marchio d’abbigliamento dopo tanti proclami, problemi e rinvii finalmente giunge nella città Eterna. Lo store ha ufficialmente aperto all’interno del nuovo centro commerciale Maximo

Primark
Fonte Pixabay

Un’attesa lunga, per certi versi interminabile, ma alla fine Primark è arrivato anche a Roma. Si tratta del sesto negozio in Italia della nota azienda d’abbigliamento irlandese. Alle ore 10:00 del 27 novembre 2020 le serrande del negozio si sono alzate dando ufficialmente inizio ad una nuova frontiera dello shopping nella città Eterna.

Lo store si trova all’interno del centro commerciale Maximo situato in zona Laurentina. Era di gran lunga la novità più attesa del nuovo polo d’acquisti, per questo molte persone si sono messe in fila già dalle prime ore del mattino. Si sono formate lunghe code, ma sono state gestite bene grazie ad un efficiente servizio di sicurezza.

I sindacati (in particolare il Cobas nazionale) però hanno alimentato numerose proteste e hanno attaccato il Comune di Roma per non aver gestito bene la situazione che a loro avviso potrebbe comportare pesanti ripercussioni in termini di contagi.

LEGGI ANCHE >>> Fisco, a Roma 200.000 domande di adesione alla Rottamazione ter

Primark, la struttura del nuovo negozio capitolino

Per quanto concerne i dettagli sul neonato store Primark della Capitale ha un’estensione di 4600 metri quadrati e offre novità per tutte le categorie e per tutte le taglie. Il rapporto qualità-prezzo ha reso questo marchio tra i più apprezzati nel mondo, ecco perché i romani erano impazienti circa questa nuova apertura.

Ci sono inoltre 42 casse, 40 camerini e Wifi gratuito per tutti i clienti. Da sottolineare la splendida iniziativa “Primark Cares”, ovvero la realizzazione di nuove gamme di prodotti sostenibili realizzati grazie all’utilizzo di materiali eco-friendly, riciclati ed organici.

Insomma, una bella novità destinata a diventare uno dei nuovi cult non solo di Roma, bensì di tutta la regione Lazio.

LEGGI ANCHE >>> Salva Roma, tensione massima: decreto bloccato, ma il Parlamento può intervenire