L’Agenzia delle Entrate ha ricevuto dai contribuenti del Lazio 271.000 domande di condono fiscale (di cui 200.000 solo da Roma), 236.000 per la Rottamazione ter, 35.000 istanze per il “Saldo e stralcio”. Facendo la somma totale, da Roma e provincia si prevede un incasso di oltre 3,6 miliardi di euro.

Entrando nello specifico, per la rottamazione ter il valore dei debiti nel Lazio, al netto delle sanzioni, ammonta a 4 miliardi e 63 milioni; di questa cifra, l’80% è attribuibile a Roma e Provincia (3,2 miliardi di euro). In tutto Italia, la somma ammonta a 21 miliardi di euro.

La rottamazione ter è stata istituita con il decreto legge n.119 del 2018 e si rivolge a tutti coloro che hanno debiti in pendenza con l’Agenzia delle Entrare nel periodo che va dall’1 gennaio 2000 al 31 dicembre 2017. L’agevolazione permette di pagare in via definitiva i debiti iscritti a ruolo nelle cartelle esattoriali pagando le somme dovute al netto di sanzioni e interessi di mora.

Per quanto riguarda il saldo e stralcio, nel solo Lazio i debiti con il Fisco ammontano a 715 milioni di euro, naturalmente al netto delle sanzioni. Di questa cifra, il 67% è attribuibile a Roma e Provincia (479 milioni di euro). Le agevolazioni sono a favore delle sole persone fisiche e si riferiscono a debiti pendenti con l’Agenzia delle Entrate per il periodo che va dall’1 gennaio 2000 al 31 dicembre 2017.

Il 65-70% delle somme di cui sopra dovrebbero entrare nelle casse dello Stato, mentre il resto andrà all’INPS, all’Inail, ai Comuni e alle Regioni. Purtroppo, non tutte le persone e le aziende che hanno aderito al condono pagano poi le somme dovute rateizzate. Allo stato attuale, lo hanno fatto circa la metà.