I concorsi pubblici sono tra le poche opportunità rimaste per ottenere il tanto sospirato posto fisso. Vediamo cosa offre sotto questo punto di vista il 2021

Concorsi pubblici
Fonte Pixabay

Tra chiusure, licenziamenti e tagli derivanti da questo burrascoso 2020 in cui il covid-19 si è preso la scena, la situazione del lavoro in Italia è ulteriormente peggiorata.

Il 2021 però potrebbe offrire dei salvagenti a riguardo, con l’assunzione di nuovo personale da parte delle Amministrazioni dello Stato così come previsto dalla Legge di Bilancio 2021 approvata dal Consiglio dei Ministri lo scorso 16 novembre. Vediamole per bene nel dettaglio.

LEGGI ANCHE >>> Pubblica Amministrazione: 7.903 nuovi posti di lavoro, tra assunzioni dirette e concorsi

Concorsi pubblici 2021: ecco quali sono le migliori opportunità

In generale fino al 2023 ci daranno concorsi per circa 30mila posti vista che l’età media dei dipendenti pubblici nel Bel Paese è piuttosto avanzata. Dunque finalmente c’è l’opportunità per tanti giovani laureati rimasti al palo nel 2020 anche a causa delle frenate che hanno avuto i concorsi che erano in programma.

Andando nello specifico il Ministero della Giustizia è alla ricerca di 3000 funzionari non dirigenziali. Da quanto è trapelato dal testo di legge si tratta che questo sia il settore più deficitario in termini di organico.

Il Ministero dell’Interno ha invece bisogno di 250 funzionari non dirigenziali da impiegare nel personale dell’Amministrazione civile dell’Interno. Capitolo scuole. Il Ministero dell’Istruzione ha intenzione di bandire un concorso per reclutare insegnanti di sostegno. La richiesta è di circa 25000 unità da assumere però nel corso di tre anni.

Stesso criterio ma con numeri decisamente diversi per quanto riguarda i Vigili del Fuoco con 750 posti da riempire dal 2021 al 2023 (250 all’anno).

Le possibilità non mancano, non resta che monitorare l’uscita del testo di legge definitivo vagliato dal Parlamento per capire tutti i criteri per partecipare ai concorsi.

LEGGI ANCHE >>> Il Black Friday è arrivato: come non farsi fregare in 10 semplici mosse