Arriva, il tanto atteso Black Friday, il venerdì dove tutti trovano uno sconto per le loro passioni. Ebbene, ci sono anche i libri.

Fonte foto: (Pixabay)

Spesso, la settimana del Black Friday è accostata mentalmente a vestiti, elettronica e solite cose cosiddette commerciali, di normale consumo più per gli hobby ed i vezzi, che per l’uso quotidiano.

Certo però, che in fila con gli altri prodotti, ci si può mettere anche la cultura. Ad esempio, perché non pensare al risparmio per l’acquisto di un libro? Oppure, vista la convenienza, si potrebbe pensare al costo di uno, di comprarne magari due. Ecco dove.

Leggi anche >>> Black Friday e lockdown: traino vincente per l’e-commerce ma il commercio vede ‘nero’

Libri e risparmio: i siti dove riversarsi per il Black Friday

Anche le librerie hanno perso molto, in termini economici, a causa della pandemia Covid-19. Non potendovisi recare, per molti tratti dell’anno, queste non sono riuscite a trarre ottimi profitti, anche se proprio la pandemia ha fatto riscoprire la lettura a molti, causa lockdown. Ma anche il mondo dell’editoria si è arrangiato alla meglio, contando tanto sull’e-commerce.

Ed allora, per chi volesse un libro nuovo, perché non approfittare delle offerte sui libri del Black Friday? Se ne possono trovare fino al 70%. Ed allora che si cerchi il nuovo, negli Harry Potter o in Game of Thrones, o si cerchi il classico, dai Bukowski, a Pirandello, a Brown, tutti in comune, avranno la convenienza.

Per Libreria universitaria, vediamo fino al 50% di sconto, spedizione gratuita per ordini superiori ai 25 euro. Bookdepository è il sito dove i libri in lingua inglese subiranno uno sconto del 40%. Poi Ibs che trova sconti fino al 70% fino al 30 novembre, Mondadori Store invece, vede una formula a catena: con l’acquisto di un libro, si riceve uno sconto del 30%, due libri 35% e tre libri 40%. Ed ancora, Waterstones con offerte in arrivo, anch’esso per la lingua inglese. Qui, bisogna fare i conti per gli sconti, con la sterlina.

Leggi anche >>> Beffa navigator: a breve potrebbero ritrovarsi disoccupati