Il bonus 516 euro è un indennizzo riconosciuto, dal 1 gennaio 2019, a coloro che svolgono una specifica attività autonoma. Cosa bisogna fare per ottenerlo?

bonus 516
fonte pixabay

ll bonus 516 euro al mese è riconosciuto alle partite IVA che chiudono definitivamente l’attività commerciale; è stato introdotto a titolo di indennizzo e consente di ricevere 516 euro al mese fino alla pensione all’età di 57 anni.

Ma a quali categorie di partite iva può essere applicato?

LEGGI ANCHE >>> Assegno di divorzio e TFR: quando devono essere corrisposti? Facciamo chiarezza

Bonus 516 euro: le attività commerciali che ne hanno diritto

bonus 516
fonte pixabay

Dal 1° gennaio 2019, i commercianti che hanno chiuso definitivamente la propria attività commerciale possono chiedere l’erogazione dell’ l’indennizzo commercianti o bonus 516.

Possono fare domanda i titolari delle seguente attività commerciali:

A) somministrazione di alimenti e bevande;

b) area pubblica (D.L. n. 114/1998 art. 27);

c) per somministrazione al pubblico di alimenti e bevande;

d) all’ingrosso;

e) forme speciali di vendita al dettaglio (D.lgs. n. 114/1998 art. 4 – Allegato 3);

f) le intermediazioni diverse da quelle previste dalla Legge 204/1995.

La legge prevede che, per accedere a questo bonus, anche il titolare dell’attività commerciale deve avere dei requisiti soggettivi:

a) requisito anagrafico: donne di 57 anni, uomini 62 anni;

b) requisito contributivo: almeno 5 anni in qualità di titolari o di coadiutori nelle attività commerciali sopra specificate;

c) cessazione definitivamente dell’attività commerciale;

d) consegna al Comune della licenza amministrativa;

e) cancellazione del Registro delle Imprese presso CCIAA;

E’ da considerare che la concessione del bonus, essendo una misura strutturale, è condizionato alle risorse del Fondo, art. 5 Decreto Legge n. 207/1996.

Il fondo è costituito dai versamenti obbligatori da coloro che esercitano l’attività commerciale. Devono versare un’aliquota contributiva obbligatoria aggiuntiva dello 0,09%. Di questo versamento lo 0,07% è destinato al finanziamento del Fondo, mentre il restante 0,02% è devoluto alla Gestione dei contributi delle attività commerciali.

LEGGI ANCHE >>> Assegno prenatale: 1000 euro per le famiglie, ma solo una regione lo introduce