Polemiche sulle prove di dialogo tra Governo e Forza Italia alla luce della cosiddetta “norma salva Mediaset . Tre forzisti passano alla Lega e nei sondaggi crescono Fdi ma anche Forza Italia.

Sondaggi politiciLa fibrillazione dovrebbe essere tutta all’interno della maggioranza di Governo perchè ci sono importanti scelte economiche e sociali da prendere per far fronte alla pandemia ma da alcuni giorni i botta e risposta si registrano più nella coalizione di opposizione di centrodestra che dalle parti della maggioranza giallorossa.

L’oggetto del contendere è un emendamento, battezzato poi “salva Mediaset” alla luce della vicenda Vivendì, che per alcuni avrebbe portato poi Forza Italia a ‘miti consigli’ e ad un atteggiamento molto dialogante con il Governo e soprattutto con il Pd. Dalla Lega sono arrivate critiche a questo avvicinamento troppo forte dei forzisti verso il Governo ed oggi tre parlamentari azzurri hanno comunicato di passare da Forza Italia alla Lega: Laura Ravetto, Federica Zanella e Maurizio Carrara.

Questo avvicinamento però di Forza Italia sembra far bene al partito ed anche, parallelamente, a Fratelli d’Italia in termini di consensi. La Supermedia di Youtrend per Agi, datata 12 novembre cioè all’inizio delle posizioni di dialogo di Forza Italia, aveva infatti già fotografato la situazione in tal senso.

LEGGI ANCHE >>> “Ora è una discussione lunare!”, Speranza stoppa il Natale: cosa c’è da aspettarsi

Forza Italia, Pd e Fratelli d’Italia guadagnano, perde la Lega: chi sale e chi scende nei sondaggi

sondaggi
Fonte: Pixabay

La Supermedia di Youtrend per Agi, datata sempre 12 novembre, ha evidenziato che la Lega ha perso lo 0,3% mentre guadagna la stessa percentuale il Pd del segretario Nicola Zingaretti. Un +0,4% per Forza Italia, che raggiunge il 6,7%, forse anche a causa del suo atteggiamento dialogante con la maggioranza di Governo. Guadagna anche Fratelli d’Italia (+0,1%) raggiungendo il 16% e restando sempre davanti al M5S fermo al 15,1%.

Seguono poi Italia Viva con il 3,5%, Azione e La Sinistra entrambe al 3,2% mentre +Europa ed i Verdi sono rispettivamente a 2% e all’ 1,7%.

Infine, per quanto concerne le coalizioni, se si sommassero le percentuali dei singoli partiti della coalizione di centrodestra si raggiungerebbe il 47,9% mentre la coalizione di centrosinistra si assesterebbe al 29,2% in aumento del 3,4% rispetto alle ultimi elezioni europee 2019.

LEGGI ANCHE >>> Covid, Conte:”Natale? Ci stiamo preparando a diversi scenari”, cosa si prevede