Il tema del sequestro e del pignoramento, quando si parla di polizze assicurative, è molto dibattuto. Molteplici sono state le sentenze su questo tema per chiarire la questione. Facciamo un po’ di chiarezza.

polizze
adobestock

L’art. 1923 del Codice Civile sancisce che “le somme dovute dall’assicuratore al contraente o al beneficiario non possono essere sottoposte ad azione esecutiva o cautelare.

Sono salve, rispetto ai premi pagati, le disposizioni relative alla revocazione degli atti compiuti in pregiudizio dei creditori e quelle relative alla collazione, all’imputazione e alla riduzione delle donazioni.”

L’ articolo specifica che le somme dovute dall’assicuratore ad un contraente, che abbia stipulato una polizza sulla vita, sono insequestrabili e impignorabili.

Il fatto che le polizze vita non siano soggette a sequestro e a pignoramento ha portato moltissime persone ad utilizzare le polizze vita come delle vere e proprie casseforti, dove mettere al sicuro il proprio patrimonio.

Ma non tutte le polizze vita sono insequestrabili. Quali?

LEGGI ANCHE >>> L’assicurazione? Meglio online con siti e app aziendali

Polizze vita non soggette a sequestro: che caratteristiche devono avere?

polizze sequestro

La Corte di Cassazione, VI sezione penale, con sentenza n. 47012 del 12 settembre 2017, ha chiarito quali sono i presupposti che rendono una polizza assicurativa soggetta a sequestro.

Cosa dice la sentenza?

Non sono soggette a pignoramento le polizze vita che hanno come finalità un obiettivo di natura prettamente previdenziale. Ma se queste hanno finalità di investimento, allora possono essere sequestrate.

Se il contratto assicurativo è veramente una polizza sulla vita, allora trova piena applicazione l’articolo 1923 del Codice Civile, pertanto, non potrà essere sequestrabile. Ma se la polizza ha finalità finanziarie, ovvero è uno strumento di investimento teso a creare del rendimento, può essere sequestrata.

La Corte di Cassazione non nega la norma, ma ne riduce la portata. Mettendo l’accento sulla finalità delle polizze vita, alcune delle quali hanno un obiettivo di rendimento finanziario.

Di conseguenza le polizze assicurative che soggette a sequestro sono le polizze Index linked e Unit linked.

Le polizze Unit linked riservano il proprio investimento in fondi comuni mentre le Index Linked si indirizzano in obbligazioni strutturate.

Le prime hanno una durata pari alla vita dell’assicurato, le seconde, invece, per un tempo predeterminato.
Le assicurazioni Index Linked sono polizze che prevedono un capitale assicurato variante in base all’indice azionario (o ad un altro indice di riferimento) e al suo andamento.

LEGGI ANCHE >>> Chiude partita Iva e lavora in nero per avere il RDC: cosa rischia