La Legge Amato 503/1992 prevede la possibilità di accedere alla pensione di vecchiaia con soli 15 anni di contributi in 3 specifiche situazioni. Quali?

pensione
Fonte Pixaby

Prima di addentrarci nel merito della questione è bene sottolineare che nel nostro sistema giuridico un lavoratore, in via ordinaria, può ritirarsi dal mondo del lavoro in presenza di due requisiti:

  • aver compiuto almeno 62 anni di età;

  • aver versato almeno 38 anni di contributi;

con una finestra mobile di tre mesi per i lavoratori del settore privato e per il settore pubblico.

Sono, poi, previste delle formule di pensionamento anticipato come la possibilità di andare in pensione con solo 15 anni di contributi.

LEGGI ANCHE >>> In pensione a 57 anni? Si può! Quali sono i requisiti per accedervi?

PENSIONE CON 15 ANNI DI CONTRIBUTI: LA CASISISTICA NEI DETTAGLI

pensione
Fonte Pixaby

La prima casistica prevede che si possa andare in pensione con soli 15 anni di contributi, tenuto conto di tutte le tipologie di contributi volontari, figurativi e da riscatto, nel caso in cui le 780 settimane facciano riferimento a periodi antecedenti al 31 dicembre 1992. Requisito necessario per accedervi è: l’iscrizione al Fondo lavoratori dipendenti o alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi dell’INPS.

Altra casistica prevista dalla Legge Amato riguarda esclusicamente i lavorotori dipendenti e autonomi iscritti all’Assicurazione generale obbligatoria dell’INPS, nonché per gli iscritti ex Enpals. Questi hanno la possibilità di andare in pensione con soli 15 anni di contributi qualora con un provvedimento antecedente al 31 dicembre 1992 si sia stati autorizzati al versamento dei contributi volontari.

La terza casistica si applica nei confronti dei lavoratori dipendenti iscritti all’Assicurazione generale obbligatoria o ad un fondo sostitutivo e prevede che per andare in pensione a 15 anni si abbia raggiunto un’anzianità assicurativa di almeno 25 anni. Ciò comporta che il primo contributo debba essere stato versato almeno 25 anni fa dalla data del raggiungimento dei requisiti contributivi. Requisito necessario: aver versato 15 anni di contributi da lavoro dipendente all’Assicurazione generale obbligatoria o ad un fondo sostitutivo o esonerativo.

LEGGI ANCHE >>> Cassa Integrazione Inps, ancora 12 mila in attesa di pagamento