Invalidità al 75%, un mucchio di agevolazioni: cosa cambia nel 2023

A quali agevolazioni ha diritto chi si vede riconoscere una percentuale di invalidità pari al 75%? Ecco cosa cambia nel 2023!

Anche nel corso del 2023 l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale provvederà a riconoscere delle agevolazioni alle persone a cui viene riconosciuta un’invalidità superiore al 75%. Ma di quali si tratta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

mani, invalidità 75%
Conto Corrente Online

Lavoro, famiglia, tempo libero e tanto altro ancora. Sono davvero molte le cose da fare e che richiedono il nostro massimo impegno e tempo. Riuscire a fronteggiare tutto, però, risulta spesso molto complicato. Per questo motivo è importante restare sempre informati, in modo tale da non farsi sfuggire l’opportunità di beneficiare di determinate agevolazioni.

A tal proposito, ad esempio, è bene ricordare che l’ordinamento giuridico italiano tutela coloro alle prese con patologie o menomazioni fisiche o psiche tali da renderli fragili e vulnerabili. In particolare è bene sapere che anche nel corso del 2023 è possibile richiedere e ottenere, purché in possesso di determinati requisiti, il riconoscimento dello stato di invalidità civile.

Proprio soffermandosi su quest’ultimo entriamo nei dettagli per vedere quali sono i benefici a favore di coloro a cui viene riconosciuta un’invalidità superiore al 75%. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Invalidità al 75%, occhio alle agevolazioni, cosa cambia nel 2023: tutto quello che c’è da sapere

Anche nel corso del 2023 l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale riconoscerà l’assegno mensile per gli invalidi civili parziali. Quest’ultimo, così come si evince dalla circolare Inps numero 135 del 22 dicembre 2022, registrerà degli importi più alti per effetto della rivalutazione. Entrando nei dettagli si registrano dei cambiamenti nei limiti reddituali personali che si devono rispettare.

In particolare è importante sapere che per l’anno in corso l’importo dell’assegno mensile per gli invalidi civili parziali è pari a 313,91 euro. Il limite reddituale previsto, invece, è fissato a 5.391,88 euro. Soffermandosi su coloro che registrano uno stato di invalidità superiore al 75%, inoltre, possono beneficiare di tante altre agevolazioni.

Ad esempio possono richiedere di lavorare presso la sede di lavoro più vicina e l’assegno ordinario di invalidità. Quest’ultimo viene  riconosciuto purché il soggette interessato abbia maturato almeno cinque anni di contributi. Se viene riconosciuto uno stato di invalidità al 100%, inoltre, si ha diritto anche all’indennità di accompagnamento pari a 527,16 euro al mese, a prescindere dal proprio reddito.

Impostazioni privacy