Bonus 150 euro: affrettatevi, c’è ancora pochissimo tempo per richiederlo

Affrettatevi, in quanto c’è ancora poco tempo a disposizione per poter richiedere il bonus 150 euro.

Sono ancora pochi i giorni disponibili per poter richiedere il bonus 150 euro una tantum. Ma chi ne ha diritto e qual è la data da segnare sul calendario? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

bonus 150 euro gennaio
ContocorrenteOnline

Spesa settimanale, istruzione dei figli, vestiti, bollette e chi più ne ha più ne metta. Sono davvero molti i costi da dover puntualmente sostenere e che pesano sulle nostre tasche. Se tutto questo non bastasse, l’aumento generale dei prezzi contribuisce a sua volta a ridurre il nostro potere di acquisto.

Una contesto difficile in cui un numero crescente di famiglie riscontra delle serie difficoltà nel riuscire ad arrivare alla fine del mese. Proprio in tale ambito, pertanto, interesserà sapere che sono pochi i giorni ancora disponibili per poter richiedere il bonus da 150 euro. Ma chi ne ha diritto e soprattutto qual è il termine ultimo? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Bonus 150 euro, c’è ancora poco tempo per richiederlo: tutto quello che c’è da sapere

Come già detto c’è ancora poco tempo a disposizione per poter richiedere il bonus 150 euro una tantum previsto dal decreto Aiuti Ter. Entrando nei dettagli il termine ultimo per poter effettuare tale richiesta è fissato al prossimo 31 gennaio 2023.

I soggetti che devono presentare richiesta per poter beneficare di tale contributo economico sono: collaboratori coordinati e continuativi; assegnisti di ricerca; lavoratori intermittenti, stagionali, lavoratori del mondo dello spettacolo e dottorandi con borsa di studio.

Questo a patto che i soggetti in questione abbiano registrato nel corso del 2021 un reddito inferiore a quota 20 mila euro. Entrando nei dettagli, l’istanza deve essere inviata attraverso l’apposita procedura telematica disponibile sul sito dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale.

Una volta effettuato l’accesso attraverso le proprie credenziali Spid, Cie o Cns,  si deve selezionare “Indennità una tantum 150 euro – Domanda”, scegliere la categoria di appartenenza, seguire la procedura guidata e il gioco è fatto.

In alternativa è possibile chiedere assistenza ad un patronato oppure chiamare il Contact Center dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. In caso di accettazione della domanda, i pagamenti verranno effettuati nel corso del mese di febbraio.