McDonald’s, licenziamento e multa salata per un ex dipendente: il motivo che non ti aspetti

Brutte notizie per un ex dipendente di McDonald’s che è stato licenziato e ora deve pagare una multa particolarmente salata. Ecco il motivo che non ti aspetti.

Ha destato molto interesse la storia di un ex lavoratore di McDonald’s che è stato licenziato e si ritrova a dover fare i conti con una multa particolarmente pesante. Ma per quale motivo e cosa è successo? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

McDonald’s licenziamento
ContocorrenteOnline

Il lavoro nobilita l’uomo, in quanto consente di ottenere il denaro di cui necessitiamo per poter acquistare i vari beni e servizi di nostro interesse. Non sempre, però, le cose vanno come desiderato e in alcuni casi trovare un impiego può risultare più difficile del previsto. Se tutto questo non bastasse, una volta ottenuto un posto di lavoro, è importante riuscire a conservarlo.

Se trovare lavoro può risultare spesso difficile, infatti, dall’altro canto farsi licenziare è, spesso, molto più semplice di quello che si possa pensare. A tal proposito, ad esempio, abbiamo già visto assieme alcune storie assurde, ma vere, di licenziamenti alla velocità della luce.

Sempre soffermandosi in tale ambito, inoltre, ha destato interesse la storia di un ex lavoratore di McDonald’s che è stato licenziato e si ritrova a dover pagare una multa particolarmente salata. Ma per quale motivo e cosa è successo? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo quali sono le informazioni disponibili in merito.

McDonald’s, licenziamento e multa salata per un ex dipendente: ecco cosa è successo

Stando a quanto si evince dai media statunitensi, l’ex CEO di McDonald Steve Easterbrook sarebbe stato licenziato dopo aver scoperto che l’uomo aveva intrapreso una relazione sentimentale con una dipendente. Il colosso ha comunque deciso di interrompere il contratto senza citarne la causa, in modo tale da permettere di percepire dei compensi che altrimenti avrebbe perso.

Poco tempo dopo, però, è stato scoperto che in realtà l’ex Ceo avesse avuto altre tre relazioni con dei dipendenti di McDonald’s, in tempi diversi. Per questo motivo Easterbrook è stato accusato dalla Securities and Exchange Commission, ovvero Sec, degli Stati Uniti, di aver mentito agli azionisti sul suo licenziamento.

Questo in quanto aveva affermato di aver avuto una relazione consensuale con una sola dipendente, senza citare le altre. L’ex manager è stato quindi sanzionato, ritrovandosi così a pagare una multa pari a 400 mila dollari. SEC ha invece deciso di non multare McDonald’s “alla luce della sostanziale collaborazione che ha fornito al personale della SEC nel corso delle sue indagini”.