Attenti, la frittata sul parabrezza è un cattivo presagio: vi truffano

Una nuova modalità d’azione, qualcosa che nessuno si sarebbe aspettato. Il trucco è riuscito a molti e in tanti sono oggi a rischio.

Negli ultimi mesi un particolare tipo di truffa sta rendendo la vita piuttosto difficile a milioni di cittadini italiani. In linea di massima si parla di qualcosa di già noto, in quanto a modalità generali. Quello che colpisce in questo caso è per l’appunto la modifica dell’attuazione stessa della truffa. Parliamo di automobili e nel caso specifico parliamo di anziani, sempre più al centro di certe dinamiche soprattutto se soli in casa e quindi particolarmente apprezzati come vittime ideali dai truffatori di turno.

Uova auto
Conto Corrente Online

Le cronache, di recente, hanno spesso segnalato situazioni molto sgradevoli avvenute ai danni di persone anziane. Conosciamo tutti determinate situazioni, e quello che i truffatori di solito riescono ad inventarsi pur di approfittare di cittadini anziani che spesso possono trovarsi soli in casa. Falsi operatori delle compagnie di gas o luce, finti operatori comunali, il vicino di casa che ha smarrito il suo strofinaccio sul balcone, la finta richiesta di aiuto, il nipote che chiede soldi e manda un amico a ritirarli, cose già sentite insomma.

Esiste poi tutt’altro tipo di truffa che riguarda prettamente i cittadini al volante. Anche in questo caso chiaramente il bersaglio preferito sono gli anziani, perchè forse meno pronti alla reazione, più timidi rispetto a determinate questioni, una serie di importanti motivazioni riguardo la cosa specifica possono certo essere trovate. Abbiamo letto, grazie alle cronache della truffa della falsa ruota bucata che solitamente ha luogo nei parcheggi dei supermercati.

Due complici, un’auto individuata, uno dei due sgonfia o squarcia le ruote della vettura e all’arrivo del proprietario lo comunica a quest’ultimo. Mentre il malcapitato provvede a cambiare la ruota, l’altro complice provvede invece a svuotare l’abitacolo dell’automobile da qualsiasi oggetto di valore. Stessa dinamica può capitare poi al supermercato. Anziano con i sacchetti della spesa in mano, un volenteroso apparentemente dalle buone intenzioni si offre di sistemare gli stessi sacchetti distraendo di fatto l’anziano mentre un complice provvede anche in quel caso a svuotare l’auto di tutto.

Ovviamente immancabile la truffa dello specchietto dell’auto. Sassolini tirati contro l’auto del malcapitato passeggero e tamponamento simulato. L’automobilista ovviamente cade dalle nuvole e accetta la richiesta del truffatore che chiede soldi per non coinvolgere le assicurazioni. A Roma, di recente, è capitata una cosa simile. Protagonista, chiaramente un malintenzionato, che come prevedibile aveva preso di mira proprio una persona anziana.

Il 34enne sudamericano, già noto alle forze dell’ordine stava mettendo in pratica una tecniche già spesso utilizzata, cosi come anticipato, aggiungendo però un tocco di novità. Auto sul parabrezza della malcapitata vittima. La donna, chiaramente distratta da quanto accaduto, infastidita e lo stesso ragazzo dalle cattive intenzioni che prova a portargli via la borsa. Un Carabiniere di Campagnano di Roma, in quel momento fuori servizio.

L’uomo ha infatti osservato la dinamica per caso, mentre si trovava da quelle parti intento a cercare parcheggio per la sua auto in compagnia di moglie e figlia. L’uomo, nota ciò che sta accadendo e riesce a sventare il tutto proprio mentre un complice del 34enne citato stava per entrare in possesso della borsa della malcapitata vittima. I Carabinieri successivamente intervenuti sul luogo dell’accaduto, hanno raccolto schiaccianti prove che dimostrano di fatto l’azione truffaldina dei due. Per i due malintenzionati insomma, si prevedono momenti di certo poco felici.

Di recente proprio per tutelare l’incolumità di cittadini anziani che spesso vivono in solitudine l’Arma dei Carabinieri ha diffuso una serie di consigli per evitare di incappare nelle cattive intenzioni dei malintenzionati di turno. Di seguito, riportiamo l’elenco completo diffuso dai canali abituali della stessa Arma dei Carabinieri:

  • non aprite agli sconosciuti e non fateli entrare in casa. Diffidate degli estranei che vengono a trovarvi in orari inusuali, soprattutto se in quel momento siete soli in casa;
  • non mandate i bambini ad aprire la porta;
  • comunque, prima di aprire la porta, controllate dallo spioncino e, se avete di fronte una persona che non avete mai visto, aprite con la catenella attaccata;
  • in caso di consegna di lettere, pacchi o qualsiasi altra cosa, chiedete che vengano lasciati nella cassetta della posta o sullo zerbino di casa. In assenza del portiere, se dovete firmare la ricevuta aprite con la catenella attaccata;
  • prima di farlo entrare, accertatevi della sua identità ed eventualmente fatevi mostrare il tesserino di riconoscimento;
  • nel caso in cui abbiate ancora dei sospetti o c’è qualche particolare che non vi convince, telefonate all’ufficio di zona dell’Ente e verificate la veridicità dei controlli da effettuare. Attenzione a non chiamare utenze telefoniche fornite dagli interessati perché dall’altra parte potrebbe esserci un complice;
  • tenete a disposizione, accanto al telefono, un’agenda con i numeri dei servizi di pubblica utilità (Enel, Telecom, Acea, etc.) così da averli a portata di mano in caso di necessità;
  • non date soldi a sconosciuti che dicono di essere funzionari di Enti pubblici o privati di vario tipo. Utilizzando i bollettini postali avrete un sicuro riscontro del pagamento effettuato;
  • mostrate cautela nell’acquisto di merce venduta porta a porta;
  • se inavvertitamente avete aperto la porta ad uno sconosciuto e, per qualsiasi motivo, vi sentite a disagio, non perdete la calma. Inviatelo ad uscire dirigendovi con decisione verso la porta. Aprite la porta e, se è necessario, ripetete l’invito ad alta voce. Cercate comunque di essere decisi nelle vostre azioni.

In generale, per tutelarvi dalle truffe:

  • diffidate sempre dagli acquisti molto convenienti e dai guadagni facili: spesso si tratta di truffe o di merce rubata;
  • non partecipate a lotterie non autorizzate e non acquistate prodotti miracolosi od oggetti presentati come pezzi d’arte o d’antiquariato se non siete certi della loro provenienza;
  • evitare di accettare in pagamento assegni bancari da persone sconosciute;
  • non firmate nulla che non vi sia chiaro e chiedete sempre consiglio a persone di fiducia più esperte di voi.

Una serie di importantissimi consigli utili a sventare le truffe più inimmaginabili. Ultimamente le dinamiche che possono mettere a rischio l’incolumità degli stessi cittadini sono davvero troppe. Il tempo di fermare questo fenomeno è arrivato ed è giusto che tutto passi attraverso l’intervento e la premura delle nostre forze dell’ordine.