Pagamento Reddito di Cittadinanza: a gennaio una sorpresa, ma non per tutti

Il pagamento del Reddito di Cittadinanza avverrà anticipatamente per alcuni percettori della misura. Scopriamo chi rimarrà fuori.

Gennaio, l’anno inizia con una sorpresa per i beneficiari del Reddito di Cittadinanza ma non per tutti.

rdc gennaio
contocorrenteonline.it

Da tredici giorni è iniziato l’anno dell’addio al Reddito di Cittadinanza. La misura pian piano scomparirà prima per gli occupabili per anche per gli inoccupabili. La decisione del Governo Meloni è stata scritta nero su bianco nella Legge di Bilancio 2023. I percettori dovranno trovare un lavoro entro sette mesi, limite massimo di erogazione del sostegno al reddito. Nel corso del 2023, dunque, tutti i percettori occupabili riceveranno la ricarica solo per sette mensilità (anche non consecutive) mentre dal 2024 non sentiremo parlare più di RdC. Verrà probabilmente sostituito da una nuova misura che si rivolgerà esclusivamente a chi ne ha realmente bisogno. Basta con la ricarica di mantenimento alle persone che sono in grado di lavorare. Ma per il momento le erogazioni continueranno e con una sorpresa per il mese in corso. Il pagamento sarà anticipato.

Reddito di Cittadinanza con pagamento anticipato a gennaio

Apriamo una breve parentesi per ricordare che gennaio sarà l’ultimo mese di erogazione dell’RdC con l’ISEE 2022. Per continuare a ricevere i soldi da febbraio sarà necessario calcolare il nuovo Indicatore della Situazione Equivalente Unica entro il 31 gennaio 2023. Chiusa parentesi, scopriamo chi otterrà il primo versamento dell’anno in anticipo.

Dando un’occhiata al calendario si nota subito come il giorno 15 – data prevista per un primo pagamento – cada di domenica. Trattandosi di giorno festivo, l’INPS anticiperà l’erogazione dei soldi a venerdì 13. Questa sorpresa vale per chi riceve la ricarica per la prima volta, chi attende gli arretrati e chi ha rinnovato la misura dopo lo scadere delle prime 18 mensilità e non hanno ricevuto la ricarica a dicembre (mese di stop).

Può accadere, però, che l’INPS non riesca ad effettuare tutti i versamenti venerdì 13. Alcuni percettori dovranno attendere lunedì 16.

Come verificare la data del versamento

Fin d’ora i percettori di RdC possono sapere quando la ricarica verrà effettuata. Basterà accedere all’Area MyINPS del portale dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale tramite credenziali digitale ed entrare nel fascicolo previdenziale. Chi non rientra tra le categorie citate nel paragrafo precedente sa bene che per ottenere i soldi dovrà attendere fine mese.

Il secondo giorno di pagamento è il 27 che a gennaio cadrà di venerdì. Nessun anticipo, dunque, per questi percettori. Anzi, per alcuni il versamento potrebbe essere effettuato il 30 gennaio essendoci un weekend di mezzo se non il 31 gennaio.