Stufe a pellet e legna, multe fino a 5 mila euro: l’errore che potrebbe costarvi caro

Occhio alle stufe a pellet e legna, in quanto c’è chi rischia di pagare multe fino a cinque mila euro. Il gesto che potrebbe costarvi caro.

Mai abbassare la guardia, nemmeno quando si tratta del riscaldamento casalingo. In particolare, se utilizzate delle stufe a pellet e legna, vi invitiamo a prestare attenzione a questo errore. In caso contrario, infatti, si rischiano pesanti multe. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

multa pellet 2023
ContocorrenteOnline

Il 2023 è iniziato da pochi giorni eppure sono già diversi i problemi, piccoli o grandi che siano, con cui ci ritroviamo a dover fare i conti. Quest’ultimi, nella maggior parte dei casi, non sono altro che strascichi dell’anno appena concluso. Ne è un chiaro esempio l’aumento generale dei prezzi che ha un impatto non indifferente sulle nostre tasche.

Da qui la volontà, oltre che necessità, di molti di ridurre le spese. A tal fine, ad esempio, abbiamo visto che risparmiare sulla bolletta per il riscaldamento è possibile, semplicemente sfruttando questi tre trucchetti. Sempre in tale ambito, inoltre, si invita a non abbassare mai la guardia, nemmeno quando si tratta del riscaldamento casalingo.

In particolare, se avete in casa o desiderate acquistare delle stufe a pellet e legna, vi suggeriamo di prestare molta attenzione a questo errore. In caso contrario, infatti, si rischia di incorrere in pesanti sanzioni. Ma per quale motivo? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Stufe a pellet e legna, occhio all’errore, multe fino a cinque mila euro: il motivo che non ti aspetti

Stando a quanto previsto dalle normative di diverse regioni italiane, in particolare al Centro – Nord Italia, vi possono essere dei limiti da dover rispettare per quanto riguarda l’utilizzo di stufe a pellet e legna. In caso contrario, come sottolineato su Informazione Oggi, si rischia di incorrere in multe particolarmente pesanti.

Si tratta, interesserà sapere, di norme introdotte con l’intento di ridurre l’emissione di polveri sottili e di CO2. Entrando nei dettagli, ogni sistema di riscaldamento a legna oppure a pellet viene certificato da uno a cinque stelle. Più alto è il numero di stelle, minori saranno le emissioni dell’impianto.

Nelle Regioni Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, ad esempio, è consentita solamente l’installazione di generatori di calore con almeno quattro stelle di efficienza energetica. È sempre vietato, invece, l’utilizzo del camino aperto. Unica eccezione, come spiegato da Agronotizie, è il caso in cui lo si accenda per scopi di carattere ricreativo.

Delle limitazioni a cui è bene prestare la massima attenzione, in quanto in caso contrario si rischia di pagare multe che vanno da 500 euro fino ad arrivare a cinque mila euro. Onde evitare di incorrere in queste spiacevoli situazioni, pertanto, si consiglia di informarsi in merito alle normative previste nella propria regione di competenza.