Carte prepagate anonime, garantiscono davvero la privacy? La risposta non è scontata

Le carte prepagate anonime garantiscono davvero la privacy degli utilizzatori? Ebbene, la risposta non è scontata.

Sono in molti a chiedersi se le carte prepagate anonime siano davvero in grado o meno di garantire la privacy dei soggetti che le utilizzano. Ma come funzionano? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Carte prepagate anonime
ContocorrenteOnline

Il denaro non è sinonimo e nemmeno garanzia di felicità. Allo stesso tempo non si può negare come si riveli essere utile nelle circostanze più disparate in quanto ci consente di pagare i vari beni e servizi di nostro gradimento. Allo stesso tempo sono tanti gli strumenti di pagamento a nostra disposizione, come ad esempio bancomat e carte di credito.

Proprio in tale ambito destano particolare attenzione le carte prepagate anonime, con molti che si chiedono se siano davvero in grado o meno di garantire la privacy dei soggetti che le utilizzano. Ma come funzionano? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Carte prepagate anonime, garantiscono davvero la privacy? Ecco tutto quello che c’è da sapere

Abbiamo già avuto modo di vedere assieme se è meglio utilizzare la carta di credito o il bancomat quando ci ritroviamo a pagare alla cassa. Sempre a proposito dei vari strumenti di pagamento, invece, oggi porremo la nostra attenzione sulle carte prepagate anonime.

Ebbene, soffermandosi su quest’ultime interesserà sapere che, pur essendo anonime, gli istituti di credito devono comunque richiedere dei documenti grazie ai quali poter poi generare le carte in questione. Vi sono comunque delle carte in grado di garantire un livello di privacy davvero molto alto.

Si tratte delle carte prepagate usa e getta che possono essere in genere acquistate presso una tabaccheria, ricevitoria oppure istituto di credito. Particolarmente apprezzate da chi vuole tutelare la privacy, su queste carte non vi è scritto il nome del titolare.

Allo stesso tempo non mancano degli aspetti che per qualcuno possono risultare problematici. Tra questa si annovera il platfond limitato. Questa carte, infatti, possono avere un fondo pari a massimo 250 euro. Un problema che può essere comunque risolto, semplicemente acquistando delle altre carte anonime.