Pagamenti, meglio carta di credito o bancomat? La risposta non è scontata

Quando ci ritroviamo a pagare alla cassa è meglio utilizzare la carta di credito o il bancomat? Entriamo nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

carta di credito o bancomat
Foto © AdobeStock

A partire dal cibo, passando per i vestiti, fino ad arrivare ai prodotti per la pulizia della casa, sono davvero tante le spese che puntualmente ci ritroviamo a dover sostenere. Una chiara dimostrazione di come i soldi si rivelino essere necessari in diverse circostanze. Allo stesso tempo varie sono le modalità di pagamento a nostra disposizione, come ad esempio denaro contante, piuttosto che con strumenti elettronici, quali carte di credito o bancomat.

Proprio a proposito di quest’ultimi sono ancora molti i dubbi, come quello che soventemente si instilla nella nostra testa quando, pronti a pagare alla cassa di un esercizio commerciale, ci viene chiesto se preferiamo pagare con carta di credito o bancomat. Una domanda che lascia trapelare proprio le differenze tra questi due strumenti di pagamento, tanto da chiedersi quale sia meglio utilizzare. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Pagamenti, occhio alle differenze, meglio carta di credito o bancomat? Ecco cosa c’è da sapere

Complice anche l’impatto negativo del Covid, nel corso degli ultimi due anni abbiamo dovuto cambiare molte nostre abitudini. Ne è una chiara dimostrazione la crescita registrata dagli strumenti di pagamento elettronici, che sembra destinata a non fermarsi. Anzi, proprio in tale contesto si fa sempre più largo l’ipotesi di dover, nel breve periodo, dire addio all’utilizzo del contante e ai prelievi da conto corrente.

Ebbene, proprio soffermandosi sulle modalità di pagamento, sono in molti a chiedersi cosa sia meglio utilizzare tra una carta di credito e un bancomat. Una domanda molto semplice, che nasconde dietro di sé proprio le differenze che esistono tra questi due strumenti, spesso confusi tra loro.

Proprio in tale ambito è bene, innanzitutto, ricordare che il bancomat non è altro che una carta di debito. In quanto tale la sua operatività è collegata in via diretta al proprio conto corrente, da cui attinge direttamente il denaro necessario per effettuare il pagamento.

La carta di credito, invece, non attinge in modo diretto al nostro conto. Questo in quanto è la società che ha emesso la carta ad anticipare i soldi. Quest’ultimi, ovviamente, devono essere restituiti, non immediatamente, bensì  alla scadenza dell’estratto conto mensile. Partendo da questi presupposti, quindi, è possibile evincere già una prima differenza.

Ovvero, il bancomat può essere utilizzato solo quando sul conto corrente ci sono soldi sufficienti per poter effettuare il pagamento. La carta di credito, invece, può essere utilizzata anche quando non ci sono abbastanza soldi disponibili, fermo restando che dovranno comunque essere restituiti.

Carta di credito o bancomat, attenti alla sicurezza e alle modalità di rimborso

Viste le caratteristiche poc’anzi citate, è facile intuire come la carta di credito si riveli essere uno strumento di pagamento sicuro, in quanto le somme non vengono pagate direttamente sul conto corrente. In questo modo è possibile, ad esempio, agire per sospendere rapidamente le transazioni in caso di controversie con il venditore, come difetti del prodotto, o ancor peggio clonazione della carta.

Nel caso in cui si utilizzi il bancomat, invece, in mancanza di una soluzione amichevole fra le parti interessati, bisogna procedere per vie legali, al fine di ottenere, ad esempio, un rimborso dal venditore.  Ne consegue, quindi, che in questo caso i tempi per il rimborso possano rivelarsi particolarmente lunghi.

LEGGI ANCHE >>>  Conto corrente, quanti soldi è possibile tenere sul conto senza rischi: cosa c’è da sapere

Carta di credito o bancomat: come funziona in caso di pagamenti all’estero

Oltre alle caratteristiche viste fino ad ora, è bene sapere come funziona nel caso in cui si effettuino pagamenti fuori dall’Italia. In particolare è bene ricordare che il bancomat, se  non presenta ulteriori simboli, non può essere utilizzato all’estero.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Proprio per questo motivo, onde evitare spiacevoli inconvenienti, è bene accertarsi che possa essere effettivamente utilizzata. Nel caso in cui si decida di andare fuori dai confini nazionali, in particolare, bisogna assicurarsi che sulla carta sia presente un altro simbolo, come ad esempio Visa, Maestro o MasterCard. La carta di credito, invece, è sempre accettata in ogni angolo del pianeta e per qualsiasi tipo di acquisto.