Benzina e diesel, tutti in fila per pagare 1,45 al litro: a due passi da casa

Incredibile opportunità di risparmio sul pieno di carburante. Il prezzo di 1,45 euro al litro è da far rimanere a bocca aperta, ecco dove andare.

Chi vuole spendere almeno venti euro in meno sul rifornimento di benzina? Gli italiani hanno trovato la soluzione di risparmio perfetta.

risparmio carburante
Concocorrenteonline.it

Nelle ultime settimane del 2022 gli automobilisti avevano tirato un sospiro di sollievo. Finalmente sembrava che il costo del carburante stesse scendendo. Benzina e diesel a 1.689 euro al litro in molti distributori, una cifra “bassa” rispetto i costi degli ultimi mesi. La bella sorpresa, però, è durata poco. La Legge di Bilancio 2023 non ha confermato il taglio delle accise e, dal 1° gennaio, il prezzo del carburante è nuovamente in aumento. Ha già superato gli 1,839 euro al litro e in autostrada arriva anche a 2 euro al litro. Un vero e proprio incubo per gli automobilisti già alle prese con tanti altri rincari. Come risolvere il problema? Molti italiani hanno la possibilità di risparmio a pochi chilometri di distanza. Uscendo fuori dai confini italiani, infatti, la benzina costa molto meno.

Risparmio sul carburante, ecco l’escamotage

Ma perché in Italia ogni prodotto, bene e servizio sembra costare più che in altre nazioni? La crisi causata dalla guerra in Ucraina c’è ovunque oppure solo nella nostra penisola? Non si spiega come mai ci possa essere, ad esempio, una differenza sostanziale del prezzo del carburante tra Italia e Svizzera. Due Paesi confinanti che dovrebbero avere le stesse ripercussioni dal contesto internazionale ma che, invece, propongono costi diversi. Forse non ci sono le stesse speculazioni tipiche della nostra penisola? Probabilmente in Italia ci sono troppe tasse e imposte che gravano sui cittadini e che nessun Governo ha mai pensato di eliminare?

Da qui la decisione di uscire dai confini nazionali per fare il pieno in un distributore estero dove la benzina costa 1,45 euro al litro. Non parliamo della Svizzera – opportunità riservata ai soli abitanti delle regione del nord/nord ovest – ma della Repubblica di San Marino. Il costo della benzina, come detto, oscilla tra 1,45 e 1,55 euro al litro. Un sogno per gli italiani.

File per un pieno, cosa sta accadendo

Stiamo assistendo a file di chilometri e chilometri in direzione San Marino da Riccione, Rimini, Sant’Arcangelo di Romagna, Cattolica, Cesena e tanti altre cittadine limitrofe. Oggi è giorno di festa, perché non approfittare di una gita nella Repubblica per fare il pieno e risparmiare anche venti euro? Automobilisti e autotrasportatori della zona non se lo fanno dire due volte e partono verso il risparmio.

Ma cerchiamo di capire come mai questa differenza di costo. Nella Repubblica di San Marino c’è una tassazione più leggera. In più il taglio delle accise è stato prorogato fino al 31 gennaio 2023. Come se non bastasse sono previsti sconti fedeltà dedicati a chi attiva una card chiamata Smac Card ossia un bancomat utilizzabile nella RSM.