Bollo auto, buone notizie in arrivo: c’è chi non deve pagare nel 2023

Buone notizie in arrivo per molti automobilisti che, nel corso del 2023, non dovranno pagare il bollo auto. Ecco di chi si tratta.

Il 2023 è finalmente arrivato portando con sé un carico di importanti novità. Tra queste anche alcune riguardanti il bollo auto, con molti automobilisti che non dovranno pagarlo nel corso dell’anno appena iniziato. Ma per quale motivo e chi ne ha diritto? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

bollo auto 2023 pagamento
ContocorrenteOnline

Scuola dei figli, supermercato per fare la spesa, banca, posto di lavoro, casa di amici e parenti, chi più ne ha più ne metta. Sono davvero tante le volte in cui utilizziamo l’auto pur di raggiungere un posto di nostro interesse. Oltre ai tanti vantaggi garantiti da tale mezzo di trasporto, però, bisogna fare i conti anche con le relative spese.

Non parliamo solo del costo di acquisto del mezzo, dell’assicurazione e del carburante. Oggi, bensì, ci soffermeremo sul bollo auto. Tassa particolarmente odiata dagli automobilisti, interesserà sapere che in molti non dovranno pagarla nel corso del 2023. Ma per quale motivo e chi ne ha diritto? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Bollo auto, buone notizie in arrivo, c’è chi non deve pagare nel 2023: cosa c’è da sapere

A partire dalle pensioni fino ad arrivare al reddito di cittadinanza, abbiamo già visto quando verranno effettuati i pagamenti Inps di gennaio 2023. A proposito di pagamenti interesserà sapere che c’è chi non dovrà mettere mano al portafoglio per pagare il bollo auto nel corso dell’anno appena iniziato. Ma per quale motivo e chi ne ha diritto?

Ebbene, a tal proposito bisogna sottolineare che il bollo auto non è stato abolito. Ne consegue che anche nel corso del 2023 chiunque possieda un veicolo debba pagare la tassa in questione. A non pagare, invece, saranno molti di coloro che vantano dei debiti pregressi.

Stando a quanto previsto dalla Legge di Bilancio 2023, infatti, chi alla data del 1° gennaio 2023 vanti un debito inferiore a mille euro, comprensivo di capitale, interessi e sanzioni, inerente il periodo che va dal 2000 al 2015, avrà diritto alla relativa cancellazione in automatico. Tra questi, pertanto, rientrano anche i bolli auto il cui importo difficilmente supera la soglia poc’anzi citata.

In presenza di debiti di importo superiore a mille euro e per i bolli auto non pagati dal 2016 al 30 giugno 2022, invece, come riporta Il Giorno, sarà possibile risolvere la propria situazione debitoria pagando, entro il prossimo 31 luglio, senza sanzioni aggiuntive. In alternativa è possibile richiedere il pagamento a rate, fino a un massimo di 18 rate. Quest’ultime, è bene ricordare, devono essere corrisposte entro il 30 novembre 2027.