Spariscono gli sportelli Bancomat: niente paura, come puoi prelevare

Ipotesi plausibile è che gli sportelli Bancomat sul territorio saranno sempre meno. Come potranno i cittadini prelevare i propri soldi?

Gli sportelli ATM rappresentano un costo per le banche così come le filiali. Di conseguenza il numero sul territorio potrebbe ridursi sempre di più.

Bancomat
Contocorrenteonline.it

Nonostante il nuovo Governo Meloni sia dalla parte del contante e non insiste in modo netto come il precedente esecutivo sull’utilizzo dei pagamenti elettronici, la realtà è che sempre più banche stanno decidendo di chiudere filiali e sportelli Bancomat per abbattere i costi e investire in strumenti alternativi. Gli istituti online stanno riscuotendo un successo inaspettato e la loro fetta di mercato sta diventando più ampia anno dopo anno. D’altronde possono proporre canoni a costo zero e spese più leggere che i consumatori apprezzano. L‘home banking, poi, semplifica le operazioni e per tanti cittadini non è più necessario recarsi in una sede fisica. Molti altri, al contrario, sono ancora legati al contatto con un operatore e al ritiro dei contanti presso uno sportello ATM. I soldi nel portafoglio non possono proprio mancare dato che il Governo Meloni toglierà l’obbligo di accettare pagamenti elettronici sotto i trenta euro. Come fare, dunque, in un prossimo futuro a prelevare?

Bancomat addio, come si preleverà?

La sparizione dei Bancomat in Italia non accadrà da un giorno all’altro. C’è ancora tempo prima di iniziare realmente a preoccuparsi ma altre nazioni a noi vicine possono dare un esempio di cosa aspettarci nel prossimo futuro. In Belgio, ad esempio, le banche stanno chiudendo i propri sportelli nonostante il disappunto dei contribuenti.

Sono già diversi anni che la procedura di chiusura ha avuto inizio e per i cittadini trovare contanti è sempre più complicato. In sette anni è stato rimosso un quarto del numero totale dei Bancomat. Per 10 milioni di persone ci sono 6 mila sportelli ma le banche non hanno completamente abbandonato i clienti. Permettono di prelevare contanti in libreria o nelle stazioni ferroviarie. Si tratta di una rete di Bancomat neutrali sostenuta dal progetto Batopin lanciato dalle quattro più importanti banche belghe.

La popolazione non verrà lasciata allo sbando

Il progetto prevede che per la fine del 2024 ci sarà un Bancomat nel raggio di 5 chilometri da casa o dal luogo di lavoro per il 95% dei cittadini del Belgio. Questi Bancomat neutrali sostituiranno gli sportelli ATM ma non totalmente. Si stima un dimezzamento delle cifre attuali. Diventeranno circa 3.500 e, secondo l’associazione dei consumatori, il piano ha diverse falle, prima tra tutte la mancata trasparenza delle operazioni.

Per creare un sistema efficiente, sostiene l’associazione, occorrerà valutare attentamente il posizionamento degli sportelli. Il criterio della distanza non può essere l’unico perseguito. Sarà necessario, dunque, posizionarli nei centri commerciali e in zone accessibili con i mezzi di trasporto pubblici tenendo anche conto della densità della popolazione. Attenzione, poi, alle commissioni applicate dato che tali sportelli sono considerati esterni alla rete Kbc.

Edicole, librerie, supermercati, in futuro potrebbero essere questi i luoghi designati per il ritiro dei contanti ma il piano dovrà essere realizzato tenendo conto di tante variabili, prima tra tutti i costi da sostenere per i contribuenti.