Reddito di cittadinanza, chiama il numero verde: c’è una notizia per te

Dicembre è di certo uno dei mesi più particolari dell’anno, forse addirittura il più particolare in assoluto. Le festività incombono.

I cittadini attendono con ansia quella che in molti casi è l’unica entrata familiare del mese. Bonus vari, reddito di cittadinanza, pensione e quant altro. Ogni mese, l’attesa spesso snervante e faticosa della data giusta per provvedere all’incasso della somma spettante. Cifre, che nella maggior parte dei casi nemmeno bastano a prevedere alla sussistenza della famiglia per l’arco di tempo stabilito. Momenti fortemente incerti e spesso drammatici.

rdc dicembre
contocorrenteonline

Di questi tempi, andando quindi a considerare quelle che sono le condizioni medie dei cittadini italiani, in un momento storico in cui la crisi ha letteralmente travolto ogni sorta di banale forma di ricerca dell’equilibrio ormai perduto, la situazione è di certo delle peggiori. In un simile contesto lo stesso contribuente si trova in molti casi in balia di pagamenti e impegni che il più delle volte nemmeno può rispettare. Di conseguenza, l’appuntamento con certi giorni di pagamento, diventa fondamentale.

Inutile dire che a dicembre l’attenzione è tutta rivolta alle festività natalizie con la necessità di far fronte a spese ancora maggiori. Per forza di cose in questo periodo dell’anno le uscite per una famiglia media aumentano, anche di molto. Regali, acquisti vari per i giorni di festa e tanto altro ancora. Di conseguenza, per chi percepisce Reddito di cittadinanza, pensioni, bonus varie e quant’altro, il giorno fatidico dell’accredito diventa il più importante di tutti.

In merito a quelle che sono quindi i prossimi appuntamenti per gli italiani possiamo in qualche modo anticipare le date specifiche per i vari accrediti attesi. Chiaramente parliamo di appuntamenti targati Inps. Le date segnalate, in qualche modo fornite dai maggiori canali vanno in qualche modo sempre controllate attraverso quelli che sono i canali ufficiali Inps. Il tutto va quindi riconsiderato perchè certe date possono variare da persona a persona.

Parliamo dell’assegno unico, la misura che ha sostituito, per le famiglie tutte le misure generalmente a essa destinate. Un unico importo, insomma, che racchiude, assegni familiari, bonus vari e quant’altro, tutti sotto un’unica voce. I prossimi pagamenti previsti per il contributo in questione saranno i seguenti:

lunedì, 19 dicembre 2022
martedì, 20 dicembre 2022
giovedì, 22 dicembre 2022
venerdì, 23 dicembre 2022

In merito poi agli arretrati della stessa misura troviamo invece le seguenti date previste:

lunedì, 5 dicembre 2022
martedì, 6 dicembre 2022
venerdì, 9 dicembre 2022
lunedì, 12 dicembre 2022

Bonus sociali, Reddito di cittadinanza, pensioni: tutte le altre erogazioni previste

Occhi puntati chiaramente anche su quella che è ormai definita pensione di cittadinanza. Il pagamento di quest’ultima misura è previsto tra il 21 e il 23 dicembre, il tutto in riferimento al mese di dicembre. In merito poi alla pensione attesa da milioni e milioni di italiani, per quanti dispongono di accredito su conti correnti, libretti postali, conto Banco Posta o Poste Pay Evolution la data utile sarà quella del 2 gennaio 2023, per gli altri bisognerà controllare il calendario disposto da Poste Italiane. Il quadro generale dovrebbe prevedere le seguenti possibilità:

lunedì 2 gennaio 2023 – Cognomi dalla A alla B
martedì 3 gennaio 2023 – Cognomi dalla C alla D
mercoledì 4 gennaio 2023 – Cognomi dalla E alla K
giovedì 5 gennaio 2023 – Cognomi dalla L alla O
lunedì 9 gennaio 2023 – Cognomi dalla S alla Z.

In merito, poi, all’erogazione del reddito di cittadinanza, generalmente predisposta per il 27 del mese si andrà a considerare l’anticipo di qualche giorno per tutti gli aventi diritto in occasione delle festività natalizie. Una operazione ormai consueta ogni anno, in questo particolare mese. Alcuni utenti ci hanno segnalato che l’accredito è avvenuto oggi, 20 dicembre.

Per quello che ancora viene, poi, chiamato, bonus Renzi bisogna attendere il 21 dicembre, almeno stando a quelle che sono le ultime informazioni disponibili in merito. Un momento insomma molto particolare che chiede il sacrificio massimo ai cittadini, già troppo spesso costretti a far di necessità virtù e inventarsi nuove modalità di vita e tanto altro ancora. Il cittadino oggi, più che mai pronto a vivere pienamente l’ennesima fase di difficoltà, spera di vedere presto la fine di questo assurdo momento, quella luce che da troppi mesi, in milioni invocano.