Rischio per la salute, direttamente dallo smartphone: da non crederci

Siamo abituati a pensare agli effetti negativi che il nostro smartphone potrebbe avere su noi stessi, ma ignoriamo certo alcune dinamiche.

Quante volte ci hanno detto che l’utilizzo prolungato dello smartphone può essere dannoso per la nostra saluta. Non si contano in realtà le occasioni. In verità qualcosa di molto particolare nell’utilizzo di quello che è ormai un fedele compagno di vita c’è, anche se molti non lo sanno. Distoglie l’attenzione su ciò che succede intorno, può provocare una sorta di alienazione, tutto vero. C’è però dell’altro che non sempre è come detto, risaputo.

cellulare
adobe

Quello che di certo la quasi totalità degli utenti ignora è l’effetto che un elemento in particolare del nostro smartphone potrebbe avere su di noi. Facile pensare, cosi come anticipato a ciò che in genere ci raccomandano, ma in questo caso si parla di ben altro. Qualcosa che realmente immaginiamo assolutamente ininfluente, e invece. Al centro di tutto il corretto utilizzo dello smartphone, su questo per l’appunto dovrebbe basarsi poi tutto il resto.

Nel caso specifico si parla di una delle opzioni più fastidiose in assoluto, non riferendoci soltanto agli smartphone, sia chiaro. Si parla di sveglie. Una opzione che troviamo certo su orologi, ed altri strumenti, che chiaramente la maggior parte degli utenti non apprezzerà di sicuro per ciò che simboleggia. Il discorso per quel che riguarda gli smartphone è molto più particolare perchè potrebbe comprendere alcuni elementi che altrove sarebbero di fatto impraticabili.

La sveglia si utilizza ormai per qualsiasi evento da ricordare, parlando sempre di smartphone. Un appuntamento, una telefonata da fare, le pillole da assumere. La sveglia è ormai anch’essa parte integrante delle nostre giornata. La personalizzazione di quest’ultima poi assume toni spesso grotteschi, nel senso che chiunque ormai può scegliere di avere come proprio segnala acustico qualsiasi musica, canzone, dialogo, verso e quant’altro.

Nel senso specifico che di fatto da origini all’articolo in questione, la problematica di cui si parlava all’inizio nasce proprio dall’elemento sveglia. Il fatto di poter personalizzare a proprio piacimento il tono, la tipologia di suono e quant’altro può dare vita a dinamiche che posson essere realmente rischiose per il nostro organismo. Può sembrare una logica campata in aria ma in realtà non è cosi. I rischi ci sono e sono anche piuttosto evidenti.

Rischio per la salute, direttamente dallo smartphone: attenzione all’abbondanza di suono

Esagerare troppo, per l’appunto, cosi come anticipato, in merito alla personalizzazione della propria sveglia sullo smartphone potrebbe infatti seriamente nuocere alla salute. Il rischio concreto potrebbe essere, ad esempio, quello di avere un risveglio troppo brusco. La dinamica in pratica potrebbe causare quello che si definisce risveglio disorientante e potrebbe addirittura durare fino a 4 ore. In media però, il tutto si esaurisce in poco meno di mezz’ora.

Chiaramente parliamo di una condizione non proprio perfetta per iniziare le vostre giornate. Di conseguenza attenzione a quella la qualità la potenza della vostra sveglia. Il volume del suono e la frequenza dovrebbero essere impostati in un modo ben preciso. La potenza ideale sarebbe intorno ai 500Hz. Ad incidere, secondo gli esperti è anche la stessa melodia della sveglia sul nostro smartphone. Il risveglio infatti seguirà la scia di quella che è stata la musica utilizzata, ad esempio.

Si è visto che ad esempio la musica popolare come sveglia può contribuire ad avere un impatto completamente diverso con la giornata che sta per iniziare. Molto più propositivo, gioioso e quindi più che positivo. La sveglia insomma è più che mai importante, condizione che non avremmo mai preso in considerazione seriamente ad essere onesti. Oggi invece conosciamo la verità, sappiamo che il tutto può essere organizzato nel migliore dei modi anche nell’interesse della nostra stessa salute. A questo punto, meglio regolarsi di conseguenza.

Impostazioni privacy