Vincita da capogiro: qualcosa però non torna, potrebbe perdere tutto

Vincere al gioco, al giorno d’oggi vuol dire dimenticare il corso degli eventi. Non sempre però, in qualche modo, i conti tornano.

Vincere, è quello che con molta probabilità ha in testa dalla mattina alla sera una grandissima fetta di popolazione italiana e non solo. Vincere, al gioco, chiaramente, vuol dire dimenticare ogni preoccupazione, certo se la cifra conquistata è di un certo calibro. Affermarsi in quel senso significa immaginare finalmente un futuro diverso, completamente opposto a quanto si è finora vissuto, alla modalità del vivere insomma.

vincita superenalotto

Alla luce dei fatti, milioni e milioni di italiani, al giorno d’oggi immaginano nel proprio profondo intimo come sarebbe in questo momento storico mettere le mani su una somma di denaro assolutamente importante. La crisi, le difficoltà quotidiane, la paura di non farcela, i timori di portarsi tutto dietro per anni. Le argomentazioni in favore della tesi di cui sopra insomma non mancano. Il dato di fatto è che oggi il gioco rappresenta la speranza vera e propria nel cambiamento.

Immaginare, cosi come si diceva, un futuro diverso. Pianificare quel che verrà in un modo che mai e poi mai si sarebbe immaginato di poter fare. Vincere al gioco è realisticamente parlando l’unica dinamica che consente di arricchirsi in pochissimo tempo, altre in realtà non se conoscono. In un momento del genere come questo, quindi, è ovvio che la speranza dei cittadini sia riposta anche in questo specifica tradizione, perchè certo che è che nel gioco in qualche modo ci sia anche quello.

Gratta e vinci, Lotto, Superenalotto e non solo. Oggi più che mai sfidare la fortuna, almeno in teoria appare qualcosa di estremamente semplice, le occasioni di certo non mancano. Il jackpot del Superenalotto, poi, ad esempio, è tutto dire. 280 milioni e passa per la sestina vincente che nel nostro paese non si palesa dal maggio 2021. Montappone, Marche, in quel caso l’ultima vittoria. 156 milioni di euro al fortunato giocatore. Ma non è tutto, in alcuni casi si vince ma poi succede qualcosa di veramente strano.

Win for life, la vincita è di quelle da capogiro: vince 500mila euro ma è letteralmente scomparso

A Napoli, succede qualcosa di realmente incredibile. Qualcosa che di certo non si può immaginare, soprattutto di questi tempi. Una vincita, consistente, molto consistente, parliamo di 500mila euro, al Win for Life, concorso Sisal, non ancora ritirata. La giocata vincente è stata effettuata per l’appunto a Napoli, presso una delle ricevitorie dell’ente, sita in Via Domenico Morelli. Oggi, gli uffici premi Sisal parlano di mancanza di richiesta alcuna in merito al premio in questione.

500mila euro, non parliamo di un premio qualunque, conquistato attraverso una giocata del concorso Win for Life. Il prossimo 10 ottobre, scadranno i termini previsti per il ritiro della vincita, per le comunicazioni che, insomma, chi vince un determinato premio in denaro dovrebbe avviare per passare poi al ritiro dei soldi. Il tutto insomma non è ancora successo, il vincitore, o la vincitrice, al momento, di fatto, non hanno “denunciato” alcuna vincita.

Nel caso specifico, la vincita in questione è suddivisa in più parti, per cosi dire. 200 euro erogati subito al vincitore. 300mila euro, invece destinati all’acquisto di uno o più immobili su tutto il territorio nazionale. In tutto al vincitore viene concesso un periodo di 2 anni per concretizzare l’acquisto, o gli acquisti in questione. La combinazione vincente che ha consentito all’ignoto vincitore di conquistare il premio in questione è la seguente: 13, 18, 21, 36, 38. Vincere insomma non sempre appare come qualcosa di assolutamente unico, altrimenti non si avrebbero situazioni del genere.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La questione resta di per se un vero e proprio mistero. Non si riescono ad immaginare le cause di un simile atteggiamento, lo stesso ente in qualche modo non fa mistero del proprio stupore in merito. Il tempo però stringe, e chi ha vinto rischia seriamente di veder vanificata una impresa davvero incredibile.