Un’indennità da mille euro per i lavoratori, non c’è molto tempo per inoltrare la domanda

Un’indennità del valore di mille euro arriverà ai lavoratori previo invio di domanda. Quali categorie possono avanzarne richiesta?

Entro il 30 novembre si dovranno inoltrare le domanda di accesso ad una misura che permetterà di ricevere 1.000 euro.

indennità mille euro
Adobe Stock

Prima di conoscere i destinatari del Bonus occorre fare un passo indietro nel tempo e ritornare durante i due anni intensi di pandemia. L’emergenza epidemiologica ha costretto Governo e cittadini a compiere delle scelte per tutelare la salute. Sono state introdotte le vaccinazioni, le restrizioni e i periodi di lockdown durante i quali tanti lavoratori e imprese si sono trovati in enorme difficoltà. Chi non ha ricevuto più uno stipendio, chi si è ritrovato senza più soldi per pagare i dipendenti, aziende chiuse da un giorno all’altro e tanti lavoratori in condizioni di salute precarie costretti ad assentarsi anche oltre il periodo di malattia per non mettere a rischio la propria vita. Proprio ai lavoratori con patologie e disabilità si rivolge l’indennità di mille euro da richiedere entro il 30 novembre.

Indennità di mille euro per lavoratori fragili

Durante la pandemia molti lavoratori con condizioni di salute particolari hanno potuto lavorare da casa ma per tanti altri questa opportunità non è stata possibile. Di conseguenza si sono trovati a dover inizialmente assentarsi dal posto di lavoro per malattia. Una volta raggiunto il massimo di malattia indennizzabile si sono ritrovati, però, in difficoltà. Da qui la decisione del Governo tramite Decreto Legge 27/20 di equiparare l’assenza dal servizio al ricovero giornaliero.

È stato previsto, poi, un Bonus da mille euro ma solamente per i dipendenti fragili del settore privato. L’indennità si può chiedere una sola volta anche in caso di più rapporti di lavoro ed è compatibile con altre prestazioni di disoccupazione.

Chi sono i destinatari del Bonus

Beneficiari, dunque, sono tutti i lavoratori di aziende private che nel 2021 risultavano aventi diritto alla tutela della malattia a carico dell’INPS e hanno presentato certificati di malattia come invalidi gravi. Rientrano coloro che hanno presentato certificati attestanti fattori di rischio elevati a causa di patologie oncologiche o immunodepressione oppure per la necessità di svolgimento di terapia salva-vita.

In più, condizione necessaria per richiedere l’agevolazione è aver superato il periodo massimo indennizzabile di malattia nonché non aver lavorato in maniera agile durante l’assenza dal posto di lavoro. Il lavoratore tramite autocertificazione dichiarerà di soddisfare tutti i requisiti elencati durante la presentazione della domanda.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

L’inoltro della richiesta può avvenire telematicamente tramite portale dell’INPS, avvalendosi dell’aiuto di patronati e CAF oppure chiamando il Contact Center (06 164164 da mobile e 803 164 da fisso).