Caro bollette, meglio riscaldamento a gas o pompa di calore? La risposta non è scontata

Al fine di contrastare il caro bollette è meglio optare per il riscaldamento a gas o a pompa di calore? La risposta non è scontata.

Sono in molti a chiedersi quali siano le principali differenze tra un sistema di riscaldamento a gas e uno a pompa di calore. Ma non solo, quale dei due consente di ottenere un maggior risparmio e contrastare il caro bollette? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

caro bollette riscaldamento
Foto © AdobeStock

Un periodo storico indubbiamente difficile, quello in cui ci ritroviamo a vivere, segnato da tutta una serie di eventi che hanno un impatto negativo sulle nostre vite dal punto di vista sia sociale che economico. Sempre più famiglie si ritrovano purtroppo alle prese con delle serie difficoltà nel riuscire ad arrivare alla fine del mese.

A peggiorare la situazione, poi, le notizie tutt’altro che rassicuranti, in base alle quali a partire dal prossimo 1° ottobre si rischia di dover fare i conti con l’ennesima stangata sulle bollette. Proprio in tale ambito, quindi, non stupisce che siano in molti a volgere un occhio di riguardo al mondo del risparmio.

A tal proposito sono in tanti a chiedersi quali siano le principali differenze tra un sistema di riscaldamento a gas e uno a pompa di calore. Ma non solo, quale dei due permette di ottenere un maggior risparmio e contrastare il caro bollette? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Caro bollette, meglio riscaldamento a gas o pompa di calore? Ecco tutto quello che c’è da sapere

Come già detto sono in molti a chiedersi quali siano le principali differenze tra un sistema di riscaldamento a gas e uno a pompa di calore. Ma non solo, quale dei due permette di ottenere un maggior risparmio e contrastare il caro bollette? Ebbene, come è facile immaginare non è possibile fornire una risposta a priori. Questo in quanto molto dipende dal budget a propria disposizione e dalle abitudini di utilizzo.

Al fine di poter scegliere la soluzione più adatta alle proprie esigenze, comunque, si consiglia di volgere un occhio di riguardo ai relativi vantaggi e svantaggi. Solo in questo modo, infatti, è possibile optare per la soluzione più adatta alle proprie esigenze. Entrando nei dettagli, comunque, interesserà sapere che le principali differenze tra i due sistemi di riscaldamento in questione sono le seguenti:

  • Riscaldamento con caldaia a gas. Sfrutta il metano per generare calore e va così a scaldare l’acqua e l’appartamento.
  • Pompa di calore. Preleva l’energia da una fonte naturale esterna per poi cederla all’acqua, che aumenterà di conseguenza la propria temperatura. Grazie a questo sistema è possibile ridurre i consumi e avere un minor impatto ambientale.

Riscaldamento a gas: vantaggi e svantaggi

Per quanto riguarda i vantaggi bisogna sapere che il sistema di riscaldamento con caldaia a gas garantisce una spesa iniziale ridotta. Ma non solo, è in grado di offrire prestazioni ottimali a prescindere dalla temperatura esterna ed è facile da collocare grazie alla sue dimensioni contenuti.

Allo stesso tempo non mancano alcuni svantaggi. In particolare un sistema di riscaldamento a gas comporta un maggior impatto sulle bollette. Questo in quanto si basa sull’utilizzo di una fonte non rinnovabile.

Pompa di calore: vantaggi e svantaggi

Per quanto riguarda la pompa di calore, invece, quest’ultima si rivela essere la soluzione giusta per chi desidera risparmiare. Questo in quanto garantisce un minor impatto sulla bolletta e pertanto minori costi da dover sostenere. Ma non solo, tra i vantaggi di questo sistema si annoverano la possibilità di beneficiare della tariffa elettrica agevolata.

Quest’ultima, interesserà sapere, consente di ottenere costi di approvvigionamento molto più bassi. Ma non solo, si presenta come una soluzione eco sostenibile che sfrutta energie rinnovabili. Una valida soluzione, come è facile intuire, per chi desidera risparmiare, volgendo allo stesso tempo un occhio di riguardo all’ambiente.

Anche in questo caso, comunque, non mancano dei piccoli svantaggi. Basti pensare all’investimento iniziale che si presenta molto più alto rispetto ad un impianto di riscaldamento a gas.