Supermercato, attenti alla truffa: in questo modo vi svuotano il conto

Occhio all’ennesimo tentativo truffa che viene attuato sfruttando il nome di un noto supermercato. In questo modo vi svuotano il conto.

Purtroppo i nomi di alcuni noti supermercati vengono, a loro insaputa, utilizzati per far cadere nella trappola il malcapitato di turno. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

truffa supermercato buono spesa
Foto © AdobeStock

Nonostante il difficile periodo storico in cui ci ritroviamo a vivere, segnato da tutta una serie di eventi negativi, come il preoccupante aumento generale dei prezzi, i truffatori non perdono mai l’occasione di mettere in atto delle truffe ad hoc attraverso cui tentare di far cadere nella trappola il malcapitato di turno.

Tanti e diversi, purtroppo, sono i tentativi di truffa a cui bisogna prestare la massima attenzione. Proprio in tale ambito, ad esempio, si invita a non cadere nell’ennesimo raggiro che viene attuato sfruttando il nome di un noto supermercato. Ma in cosa consiste? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Supermercato, attenti alla truffa, in questo modo vi svuotano il conto: ecco cosa sta succedendo

Come già detto, purtroppo i nomi di alcuni noti supermercati vengono, a loro insaputa, utilizzati per far cadere nella trappola il malcapitato di turno e svuotare il conto. Ne è un chiaro esempio un recente tentativo di truffa che viene attuato sfruttando il nome di Esselunga.

Ad allertare i propri consumatori ci ha pensato la stessa azienda. Quest’ultima invita, infatti, a prestare attenzione a messaggi che arrivano tramite e-mail, app di messaggistica istantanea o sms contenenti un questionario da compilare per ottenere un buono spesa da 500 euro o mille euro.

Peccato che nella realtà dei fatti non è così. Anzi, proprio compilando il questionario in questione si finisce per cadere nella trappola dei truffatori. Basti pensare che una volta compilato il questionario viene richiesto il pagamento di un contributo per le spese di spedizione del buono stesso.

Una volta in possesso delle varie informazioni, compresi i dati della carta di credito, quindi, i truffatori potranno agire indisturbati e svuotare il conto del malcapitato di turno. Quest’ultimo dal suo canto, come è possibile immaginare, dovrà fare i conti oltre il danno la beffa. Non solo, infatti, non riceverà alcun buono, ma rischia anche di vedersi svuotare il conto.

Ovviamente, è bene sottolineare, i supermercati non hanno nulla a che vedere con queste truffe. Anzi, a loro volta sono vittime dei malintenzionati che sfruttano il loro nome al fine di far cadere nella trappola le persone. Occhio, quindi, ad eventuali comunicazioni di questo tipo, in quanto la truffa è purtroppo sempre dietro l’angolo.